Fiano.

Written By: bruno - Set• 15•17

Che Fiano si metta in mezzo a questa storia del divieto fascista,o meglio del divieto di vendita di oggetti o espressioni che riguardano il fascismo è imbarazzante,sopratutto perché lui è ebreo e come ebreo dovrebbe tenere presente tutte le derive palestinesi nei confronti di Israele,derive che il suo partito appoggia e ha sempre appoggiato,derive più reali di un “fascismo” di ritorno.Vietare quel fascimo quello di allora,quello delle leggi razziali è sacrosanto,ma condannare questo “fascismo” d’oggi è anacronistico,se poi si parla invece di frangie fuori di testa che desiderano ancora quel fascismo passato e si esprimono sbavando un antisemitismo non solo anacronistico ma del tutto inaccettabile Fiano ha ancora ragione.Condannare invece un fascismo,questo fascismo in quanto fascismo non ha senso, anche perché una legge non lo abolisce, abolisce e sanziona semplicemente le epressioni esteriori,crea fossati e rinnova inimicizie,irrobustisce nemici e, di nemici Israele ne ha legioni intere in Medio Oriente,legioni che non sono propio legioni fasciste.

Michelangelo allo specchio.

Written By: bruno - Set• 14•17

Michelangelo com era di viso o di figura?Come l’immaginate,come ve lo hanno raccontato?Se non avete letto il Vasari suo contemporaneo e suo amico ecco come lui lo descrive:”Fu di statura mediocre,ma ben proporzionato con il resto di tutto il corpo.Alle gambe portò invecchiando di continuovo stivali di pelle di cane sopra lo ignudo i mesi interi,che quando li voleva cavare poi nel tirargli ne veniva spesso la pelle.Usava sopra le calze stivali di cordovano (specie di cuoio) affibbiati di drento per amore degli umori.La faccia era ritonda,la fronte quadrata e spaziosa con sette linee diritte,e le tempie sportavano in fuori più delle orecchie assai,le quali orecchie erano più presto alquanto grandi e fuor delle guance ;il corpo era a proporzione della faccia e più tosto grande,il naso alquanto stiacciato,come si disse nella vita del Torreggiano,che gliene ruppe con un pugno,gli occhi piuttosto piccoli che no,di color corneo machiate di scintille giallette azzurrini,le ciglia con pochi peli,le labbra sottili e quel di sotto più rossetto et alquanto infuori ;il mento ben composto alla proporzione del resto;la barba,e’ capegli neri,sparsa con molti peli canuti,lunga non molto e biforcata,e non molto folta”.

Camon.

Written By: bruno - Set• 13•17

Ho letto un minuto fa una sensazionale notizia falsa ,fake come si usa dire in internet ,diceva che Bossetti sarebbe stato pugnalato da un altro detenuto in carcere a morte,cioè Bossetti morto pugnalato in carcere.Una notizia senza fondamento a cui,non ho dato credito per istinto , notizia come ne girano ogni giorno in ogni dove.E ,sempre in internet mi imbatto in un articoletto, mi pare di Camon,intitolato”:quando l’amore è dannoso”,in cui ragionando sui vaccini,e Camon si vede è pro vaccini,mentre personalmente mi astengo da un qualsiasi giudizio,non avendo alcuna competenza medica ,come penso non l’abbia nemmeno Camon, che mi ha lasciato di stucco.Togliamo per un momento la questione vaccini dal suo ragionamento che si chiude con:”i bambini devono capire che quel che vuole lo stato vale di più di quel che vuole il papà o la mamma”,ora se volete, aggiungete i vaccini a questo bel ragionamento .Personalmente dissento da questo crociato della vaccinazione,dissento pur astenendomi dal giudizio e sull’efficacia o meno della prevenzione,dissento semplicemente perché lo Stato, come dice lui, avrà anche ( quasi) sempre ragione,ma non è in grado,uno Stato di assumersi una qualsiasi responsabilità genitoriale non avendone le prerogative,sopratutto perché uno stato,uno stato molto, troppo spesso è composto da dirigenti figli di “buona donna” di cui nessuno pare,voglia essere figlio .

Aiuto,è tornato Augias.

Written By: bruno - Set• 12•17

Mamma è tornato Augias,Augias che parla e si risponde,l’ospite c’è si vede, ma non è necessario,un lungo monologo,uno sproloquio stiracchiato da Mussolini a Berlusconi,con una puntatina innocuoa verso Renzi,pochi distinguo.Augias è tornato, pieno di risposte senza domande senza pubblico senza ospite.Mamma è tornato Augias,ed è come non fosse mai andato via ,visto lo stato in cui versa la RAI.

Donne fiamminghe.

Written By: bruno - Set• 12•17

Non sempre quando una cosa muore procura dispiacere per cui esige poca doglianza così ,dopo la consueta “triste” frase di rito ,piegandosi un poco in avanti e alzando gli occhi al cielo si sospira:finalmente è morta,finalmete è morto alleluia,è morto il festival del Diritto,è morto, con tutto il suo Olimpo,è morto ,con tutto il suo seguito di famosi che,essendo famosi olimpici non si son mai visti qui con noi sulla terra.Ma non è di questo che volevo parlare,non di Olimpo o di Diritto,volevo invece elencare le donne pittrici fiamminghe che il Vasari scrive con qualche storpiatura nella nostra lingua tanto che,la sorella di certo Luca Herenbout viene citata per prima come fine pittrice,segue Clara Skeysers di Guanto,che d’ottanta anni morì,come dicono vergine,segue ancora una Levinia figlia del Brughel (Bruggia), ed una certa Anna ,figliola del maestro medico Segher,e poi Caterina,figlia del maestro Giovanni da Hamsen.Occorre aggiungere che,il Vasari aveva già dedicato un ampio resoconto alle donne pittrici e scultrici in Italia,in quel secolo come si può leggere le donne non erano discriminate in toto.Cosa che non fece invece la rivoluzione francese molto più tardi,dove alle donne fu addirittura impedito lo studio dell’arte,e questo dimostra che non sempre le rivoluzioni migliorano le cose,anzi spesso le peggiorano,perché la dove erano Principi e signori si siedon burocrati e i leccapiedi che la fanno da signori e, qualche volta,burocrati e leccapiedi seduti dal loro scanno si dan arie da veri principi e monarchi.

Carabinieri.

Written By: bruno - Set• 11•17

Due carabinieri in servizio accusati di stupro da due studentesse americane,i carabinieri hanno sbagliato perché in servizio ma sopratutto come carabinieri,non si capisce ancora bene dove e quante prove vi siano dello stupro da parte delle vittime, le cose raccontate come sono state raccontate in questi giorni lasciano troppi dubbi.Se le hanno davvero stuprate è un fatto gravissimo se,invece è stata una “leggerezza” i fatti prendono un altra piega ,diventano una grave o gravissima,se vi piace “cazzata”.

Kim Yong-un.

Written By: bruno - Set• 10•17

Kim Yong-un è un vero pericolo,questo signore mena minacce e mazzate minacciose al mondo intero,qualche giornalista azzarda che potrebbe arrivare il suo attacco fino in Europa.Ma per quel che riguarda l’Europa sembra una montatura gigantesca,una montatura anche perché non vi sono gli strumenti per prendere in considerazione le reali minacce coreane.Basi americane il sud Corea con il Giappone sono e sembrano le parti più esposte ad un attacco-ricatto di regime da parte del nord che,a questo punto definire terroristico appare la formula migliore.Quelle e solo quelle sono e rimangono le parti sensibili esposte , se poi si desidera gonfiare la minaccia parliamo anche d’Europa,ma è solo una falsa forzatura del tutto irrealizzabile,semplicemente e psicologicamente propedeutica ad un eventuale attacco americano.

Michelangelo Topolino e altri.

Written By: bruno - Set• 09•17

Michelangelo di carattere austero teneva tuttavia come amici un certo Menighella:”pittore dozzinale e goffo di Valdarno,che era però persona piacevolissima,il quale veniva talvolta a Michelangelo che gli facessi un disegno di San Rocco,di Santo Antonio per dipingere a’ contadini.Michelangelo che era difficile a lavorare per i re,si metteva giù passando stare ogni lavoro,e gli faceva disegni semplici accomodati alla maniera e volontà,come diceva il Menighella,e fra l’altre fece fare un modello d’un Crocifisso,che era bellissimo,sopra il quale ,Menighella vi fece un cavo,e ne formava di cartone e d’altre messture,et in contado gli andava vendendo,che Michelangelo crepava delle risa.Amò parimente Topolino scalpellino,il quale aveva fantasia d’essere valente scultore,ma era debolissimo.Costui stette nelle montagne di Carrara molti anni a mandar marmi a Michelangelo,né arebbe mandato mai una scafa (barchetta navicella) carica che non avessi mandato sopra tre o quattro figurine bozzate di sua mano,che Michelangelo moriva, ridendo a crepapelle”.

Piacenza (sintesi).

Written By: bruno - Set• 08•17

Strano che una città fondata sulle rive del Po dai romani,una città che molto ha dato alla storia d’Italia come Primogenita,città di un Papa,città che anche nel suo passato aveva l’università,città con enormi materiali classici (nascosti non essendo nei luoghi d’origine) a Parma,reperti che le appartengono ma che una legge ingiusta e datata ne vieta il legittimo possesso.Città di Farnesi e Margherita d’Austria (vi è sepolta),città posta accanto ad un passo della via Francigena,via candidata per il riconoscimento Unesco.Città di chiese Seminario Cardinal Alberoni,Istituo d’Arte Generale Felice Gazzola,conventi Palazzi Musei(Ricci Oddi) Conservatorio e con monumenti insigni: Mochi,Guercino,Pordenone,Panini Boselli,Ghittoni,Cassinari ,e Ricchetti con Bot, un musicista della statura di Verdi,compreso il tondo del Botticcelli.Città ricca di borghi e castelli, agricoltura e gastronomia ,strano dico che questa città, una città come questa,trovi difficoltà nello scovare un qualche argomento per ottenere il titolo di città della cultura (sic).Forse , difficoltà sta nell’aver partorito nei suoi ultimi tempi poetari e “vive” con gran pompa ,farciti di videomappng,gonfiabili e giochi vari nella sua Piazza principale sotto l’occhio critico ,aggiugerei acuto, di certo Alberto S.letto solo da chi lo stampa e che,come prospettiva d’importanza desidera,agogna di celebrare un nemico d’Italia: Annibale,fratello di Asdrubale.

Zanzara anofele.

Written By: bruno - Set• 07•17

Ho visto anche una barzelletta,una barzelletta dove un uomo di spalle dice all’ipotetica zanzara anofele:venga rimpatriata immediatamente in Africa!Una bartzelletta cretina come in generale sono le barzellette di prima pagina nei quotidiani,banalità da mordere con sarcastico sardonico forzato sorriso.Ma torniamo alla zanzara anofele ,che non riguarda le nostre indigene,gli ordini perentori che vengono da lassù sono: la bambina è morta di malaria e non si sa perché ,punto,non dite assolutamente che la zanzara è stata importata,sopratutto non associatela ai migranti,lasciate perdere il discorso e voi ,voi barzellettieri da caserma sottolineate che la zanzara,ripeto la zanzara che ha punto la bambina non esiste, assolutamente non esiste,non c’è,la bambina è stata punta al campeggio,perché le zanzare ,specie quelle africane anche loro detestano il caldo soffocante e vanno,vengono come tutti al campeggio ma non solo, in Italia,e, al campeggio questa zanzara ha trovato una bambina l’ha punta,punto.