Archive for ottobre, 2018

Noi siam lo zero.

Oddio,non si cresce più,siamo a crescita zero,zero,la nostra crescita quella dell’italia dico,è zero,un bello zero.Tuona l’Europa post unità,quella che si diceva unita,tuona, dal brumoso nord:”Italia paga i debiti,paga i debiti”e,l’Italia,l’Italia quella che conta si offende se lanciano simili invettive,ma noi,noi ,quelli figli dei debiti ci abbiamo fatto l’abitudine,capirete quale novità avere dei debiti,debiti e a […]

Read the rest of this entry »

Buon viaggio Angela.

La figlia del pastore tedesco darà le dimissioni,se vero si dimostra tutta la sua “serietà teutonica”,al contrario di certi ganzi nostrani che se ne fottono di quel che dicono.Dopo diciotto anni e dico diciotto di regno incontrastato in Europa la Merkel molla l’osso,lo lascia (l’osso) a Prodi come succhiotto,lei non desidera più nulla ,stanca di […]

Read the rest of this entry »

Venezia il Mose.

Bello vedere Venezia in questi momenti eccezzionali di acqua alta,forse arriverà fino alla gola ai poveri veneziani (l’acqua) invasi da turisti mentre qualcuno sta digerendo ancora quello che hanno rubato sul Mose,un bel pacco di soldi elargiti e distribuiti con manica larga,quando invece a tutti va stretta,la manica ovviamente.

Read the rest of this entry »

Nell’anno di Leonardo.

Rimango nella convinzione che il Vasari sulla vita di Leonardo abbia scritto cose pregevoli interessanti e sopratutto vere,rileggerle non farebbe male a nessuno,non farebbe male sopratutto a coloro che nell’anno di Leonardo le modificano a loro piacimento.Chi mette una cosa chi aggiunge o toglie a capriccio,occorre precisare che in quell’epoca,e lo scrive il Vasari molti […]

Read the rest of this entry »

Francia.

Questi francesi!Questi francesi hanno fermato addirittura un treno (regionale) per rispedire a casa un immigrato che si sono trovati nei loro confini,tre quarti d’ora di sosta forzata per il treno e i passeggeri di cui si capisce bene come avranno percepito e commentato questo abuso.Un abuso che la Francia ,la quale non conosce il bidè […]

Read the rest of this entry »

Vittorio Feltri.

La Lega alla conquista d’Italia secondo Feltri,Feltri , lo abbiamo visto commuoversi davanti all’intervistatore,inarcare le ciglia sotto l’onda delle sopracciglia, aprire e dilatare gli occhi far vibrare il naso accompagnandolo con una leggera smorfia delle labbra, e quelle macchie scure sulle tempie appena sotto i capelli bianchi e radi.Si ,l’abbiamo visto commuoversi,commuoversi fino a un […]

Read the rest of this entry »

Quello che fecero.

La madre aveva un bambino in braccio che piangeva,piangeva da tre giorni ,aveva fame,la prigioniera chiese da mangiare per lei e suo figlio,al terzo giorno chi li teneva prigionieri disse:darò da mangiare a te e a tuo figlio sono stanco dei suoi lamenti.Prese l’infante gli tagliò la testa e lo portò in cucina,quindi con la […]

Read the rest of this entry »

Bernardo Provenzano.

Se non venisse dall’Europa quella dello spread,quella di Moscovici ci sarebbe da restare di stucco:l’Italia condannata per aver inflitto il carcere duro anche negli ultimi mesi di vita a Bernardo Provenzano.Da questo si evince,per chi non l’avesse appreso che per l’Europa,quella descritta sopra ,la mafia in Italia è un appendice necessaria reale,un contorno ben strutturato […]

Read the rest of this entry »

Il gioco del giornale.

Oramai è un abitudine non compro giornali,vedo una scorsa sullo schermo della tv di prime pagine ma non compro assolutamente nessun giornale.Lo leggo al bar ma leggerlo al bar è una vera impresa c’è sempre il solito che ci dorme sopra e allora esco ed entro in un altro bar,così mi capita a volte di […]

Read the rest of this entry »

Quattrini in Svizzera.

Non vorrei sbagliare ma ho sentito un giornalista commentare la grave crisi che si paventa in Italia,il sempre decantato bel paese dove chi ha quindicimila euro può cercare di portarli in Svizzera prima del precipitarsi nel baratro l’ex bel paese,per gli altri,gli altri che non hanno i quindicimila euro non resta che spararsi in qualche […]

Read the rest of this entry »