Consorzi di bonifica.

Written By: bruno - Giu• 15•19

Consorzi sott’acqua così potrebbe essere interpretata la raltà idrica di molte regioni per dissesti territoriali idrici.Con elezioni farsa dei consorzi di bonifica,roba da prefisso telefonico, sarebbe utile invece una loro abolizioni mentre i consorzi affondano con i terreni che dovrebbero bonificare con l’unica vera proposta di bonifica , quella di abolirli.

Emilio.

Written By: bruno - Giu• 15•19

Il parroco di montagna aveva posto al suo pubblico una semplice domanda,semplice,perfino ingenua se,se dovesse esserci un posto in casa dove si potesse dire una preghiera o pregare.Tutte le case un tempo avevano un luogo di devozione di preghiera e di speranza,luogo senza tante pretese ,luogo semplice, un crocifisso o una Madonna bastavano.Ancora si narrava nelle campagne ,di quel contadino che ,stanco della siccità,prese un giorno il crocifisso appeso nella stanza e lo immerse nel letame con la frase:”e adesso dovrai fare ben piovere se vuoi lavarti”.Religiosità popolare che, tuttavia lanciava il suo ultimo grido ad una qualche dività o al Divino, discutibile ma antica come il mondo.Il parroco di campagna in fondo aveva solo chiesto la certificazione di un usanza e ,se questa fosse ancora in uso.Il signor Emilio non si fece attendere nella risposta,con la sua “illuminata” risposta,mettendosi ad inveire contro tutti i simboli “religiosi”che considerava idoli e che,ci voleva un luogo,un luogo dove e per pregare,senza aggiungere che, quel luogo, per conseguanza del suo “ragionamento” doveva essere anche lui privo di idoli,quindi di simboli.Insomma dove voleva pregare lui ,il signor Emilio era un luogo asettico, un non luogo, una convenzione insomma in cui si pregava previa approvazione della convezione di pregare.Sarebbe stato logico rispondere al signor Emilio che i protestanti c’erano già stati e che c’erano stati anche i quacqueri che, con il loro cappello in testa,con il loro cappello in testa nei luoghi di culto si mettevano a profetare tutto quello che gli ispirava il momento,scegliesse quindi lui,scegliesse il signor Emilio,una volta per tutte, a che corrente religiosa a questo punto volesse appartenere che lui,lui di un prete non sapeva che farsene.

Teatro tutto rosso.

Written By: bruno - Giu• 14•19

Certo che le giunte,le giunte comunali in specie la Barbieri a Piacenza sono strane,direi enigmatiche come una sfinge.Prendono i voti dalla destra-centro,vanno al potere,salgono sul “trono” del comando e tutto rimane come prima,esattamente come prima,polvere compresa ,tutto mummificato,tutto riabilitato,tutto senza uno straccio di critica e di programma culturale da esprimere.Il teatro è ancora quello dei tempi di Stalin e da li non si muove,si vede che,la signora sindaca Barbieri quando va a teatro guarda i labiali,solo i labiali senza occuparsi di quello che esce da quelle labbra,incurante di vocali o consonanti che formano uno straccio di discorso alternativo a quello che ci passa questa caserma del vecchio partito comunista che, come un relitto d’altri tempi se le sona e se le canta con i soldi dei contribuenti e l’assenso della signora sindaca di Piacenza Barbieri.

20/%.

Written By: bruno - Giu• 13•19

E’ sempre bene tenere presente nella storia dell’uomo,nelle sue successioni storiche,domestiche quotidiane e mettiamoci anche di prospettiva.E’ sempre bene tenere presente,quando si vede un capo,sia esso religioso o politico o semplicemente un datore di lavoro,il capo ufficio,il capo stazione,il magistrato , lo storico come il legislatore,è sempre bene sfrondarlo di tutta la sua prosopopea (l’uomo) e delle sue qualità.specializzazioni mediche letterarie o poetiche.Insomma è sempre bene tenere presente,anche se spesso non ci si pensa che, il genere umano,nel nostro continente ha la bellezza del venti per cento di neanderthal che gli circola nelle vene nei centri nervosi , venti per cento che sta annidato nel suo DNA e,quel venti per cento,quel venti per cento fa la tara sulle pretese umane o sulle umane pretese facendola da padrone , saltando improvvisamente imperioso sulla scena a piè saldi,a piè saldi come un consumato inconsunto primo attore della vera sola recita umana e che vive,vive grazie a quel suo, a quel suo irrinunciabile immarcescibile, venti per cento.

Nottetempo.

Written By: bruno - Giu• 12•19

Non è che uno entra e poi scappa alla vista del derubato così su due piedi senza motivo,è un fatto che succede per l’improvvisa fuga,il girare i tacchi dico,dopo che si è intuite l’intenzioni del proprietario,pronto a sparare non sapendo cosa possa fare in casa sua o nel suo giardino un tizio che con un complice è entrato nottetempo .Nottetempo succedono tante cose,tanti equivoci,verità,paure suscitate dall’oscurità e dalla vista nottetempo di malviventi,la poca vista a volte fa difetto non c’è precisione.Quei ladri dovevano presentarsi alla luce del sole,magari a mezzogiorno,dicendo al proprietario:siamo due semplici ladri e siamo qui per rubare,soltanto rubare,non vogliamo ammazzare,violentare nessuno.Se fosse avvenuto così sarebbe tutta un altra storia,anche perché due ladri che vogliono solo rubare gli si apre la porta e nessuno a nessuno verrebbe in mente di sparare,sarebbe davvero un atto incivile,un atto contrario anche alla legge dell’ospitalità.Ma questi due,questi, nottetempo,con il buio,quando il buio ingigantisce le cose, si son trovati davanti uno,uno che ha sparato,infatti uno di questi si era appena girato e si è beccato una pallottola,centrato in pieno appena girato,nottetempo,con la paura e l’ombra della notte quando anche in quell’ora Sparafucile nel Rigoletto nottetempo prepara il suo delitto.

Draghi.

Written By: bruno - Giu• 12•19

Draghi”:l’unione monetaria è stata un successo indiscutibile”,indiscutibile da parte sua e dal suo punto di vista come super-stipendiato amministratore della moneta unica,poteva forse dire il contrario?Per questo anche la bomba atomica sganciata sul Giappone è stato un successo indiscutibile sul piano militare anche se,anche se bisognerebbe chiederlo a tutte le vittime che ha fatto la bomba atomica che ha avuto lo stesso effetto,però finanziario,grazie all’euro nella stragrande parte d’Europa.

Miles gloriosus.

Written By: bruno - Giu• 11•19

Nelle vittorie come nelle sconfitte elettorali spunta sempre un qualche miles gloriosus o spaccone di turno,la colpa è di Plauto che ha fissato le caratteristiche di questo bugiardo patentato,bugiardo che ha fatto si,una qualche guerra,magari come onorevole furiere ma ,tuttavia si sente in dovere di aver conquistato il mondo intero,almeno a sentirla da lui raccontare.Per meno,molto meno tuttavia vi è un qualche cortigiano oggi che si intesta questa o quella “vittoria” grazie alla debolezza nemica ed ai nemici interni che di solito sono i veri fautori delle proprie sconfitte,come di solito si ammazza la giustizia con la giustizia,senza contare che il popolo,il popolo si stanca presto delle novità come delle “rivoluzioni” e quando ha capito che i capi hanno messo le parole al posto delle cose se la svigna di corsa.Comunque il miles gloriosus è l’attore principale in queste commedie d’oggi,lo spaccone fa il mattatore e il popolo ci crede ,ci crede,eccome se ci crede,ma ci crede fin tanto che non si accorge che il suo glorioso idolo ha messo anche lui, le parole al posto delle cose e allora di solito la sinfonia immediatamente cambia.

Super partes.

Written By: bruno - Giu• 11•19

Ora i “giornali” filano sul computer e i computer ci informano che, fior di giornalisti hanno il loro bel giornale digitale facendo del giornalismo d’inchiesta.Scoprendo altarini e cattedrali alla corruzione con tanto di ducumenti alla mano,pardon in rete.Bene,basti pensare al pasticcio in sud America Borsonaro & c.Lula e compagnia bella zeppo di giochetti al calor bianco senz tanti preamboli e al ruolo a gamba tesa della “magistratura” magistratura che fatta da uomini in carne e d’ossa fa la magistratura in carne e ossa a sua immagine e somiglianza dichiarandosi però in virtù delle umane aggiunte interpretative il titolo,del tutto arbitrario di super partes (sic).

La protesta di Teresa.

Written By: bruno - Giu• 11•19

Già in tempi non sospetti né negati dalle stesse regole vigenti nel 2017 io scrivevo ma non pubblicavo frasi forti per fare riflettere che l’immigrazione dei popoli esiste da sempre dalla Sicilia all’Italia oggi perché questa distinzione perché non è giusto negare l’integrazione e l’immigrazione a queste popolazioni massacrate dalla guerra; ma nello stesso tempo non è giusto che l’Italia venga abbandonata dagli stati membri Europei per evitare l’immigrazione e l’integrazione ..secondo me ci vorrebbero solo controlli efficienti…perché le donne ed i bambini vengano accolti con le giuste cure e pari diritti umani europei questo non toglie il rispetto per le regole.
A proposito dell’integrazione nel 2017 scrivevo questo:
L’ emancipazione dei popoli è l’integrazione in base a questo sono state create le razze ed i popoli se non si arriverà all’emancipazione dei popoli noi esseri umani abbiamo fallito come uomini e nei confronti del nostro Signore. Il nostro compito è servire. Noi non siamo nessuno a paragone di lui questo ci ha insegnato e negli anni ve ne stata dimostrazione che noi tutti siamo il mezzo per lodare il Redentore re dei cieli e della terra ….ripassatevi la Bibbia se non mi credete… la vita è solo il passaggio è Dante l’ha sempre messo nei suoi scritti….la storia ci aiuta solo a ricordare tutte le evoluzioni che ha fatto il genere umano.

Teresa Campagna.

Di quando “ieri” non esiste.

Written By: bruno - Giu• 10•19

Uno apre, e si mette s tudiare dentro un libro del 1861,ripeto del 1861 e trova sta roba:”è certo che,fra un secolo,gli uomini saranno meglio nutriti,meglio coperti,meglio vestiti,e con più facili mezzi di trasporto che non oggi.Essi avranno senza dubbio ciò che chiamano una miglior vita animale.Se non ci sarà un cataclisma,nulla potrà impedire questo progresso.Ma quel bene divino che è la dignità,compagna della libertà,occorre che essi,per possederlo,se lo meritino.E’ follia credere che essa andrà loro incontro,senza che essi facciano un passo verso di lei”.