Paolo Dal Debbio.

Written By: bruno - Feb• 26•21

Ho tentato,tentato ;ieri sera tardi, di sentire cosa si dicesse alla trasmissione di Paolo De Debbio circa i vaccini, dove c’era un vice ministro che stiracchiava parole spente piene di scuse o di giustificazioni incomprensibili ma, la vera e propria gazzarra;gazzarra anch’essa incomprensibile si è scatenata,come in un quartetto d’opera:senza orchestra a commento dei vaccini da quattro primi attori “giornalisti”.Non si è capito nulla,nulla di nulla,era una specie di pezzo a quattro voci sopvrapposte dove,Dal Debbio si spegneva nei:state boni,boni,senza che nessuno l’ascoltasse,anche lui così contribuendo a quel cicaleccio di passeri in amore,o in guerra primaverile per scoparsi la passera appollaiata sul ramo.Un pezzo da Biennale di Venezia,non so,a questo punto se, quella musicale o “artistica”:vero proprio pezzo sull’assurdo che forse avrebbe avuto il plauso di Ionesco,posto che lui ,lui vivo fosse mai stato interessato a qualche pandemia ed ai suoi vaccini.

Povertà vera & presunta

Written By: bruno - Feb• 25•21

Un tempo si diceva a proposito dei poveri che:occuparsene è un surrogato di tutte le virtù e tutti, tutti, si sentono un poco poveri,o almeno di divenire tali.Non c’è riccone che non ne senta il morso,o almeno ne tema.Niente è certo in questo mondo,nemmeno la ricchezza,specialmente quella tradotta in soldoni e allora ci si attacca alla cura più diligente nel conservarla e, se possibile, accrescerla(quando invece altri la spargono e la dilapidano per eccesso di carattere).In fondo,noi in Italia siamo tutti un poco poveri,o ci sentiamo tali come surrogato appunto di tutte le virtù.Gli inglesi,almeno quelli di un tempo erano diversi e forse lo sono ancora.Vi fu infatti un certo Pit che emise una legge sul reddito e nessuno in quel tempo volle mostrare(pur avendolo) di avere un basso reddito come simbolo di distinzione;strani questi inglesi,molto,molto strani, impossibili da decifrare ,specialmente alla luce delle nostre miserie:miserie vere o presunte:comunque tutte(le nostre) ,degne di essere curate e sostenute da qualcuno che se ne occupi.

Teresa da Palermo.

Written By: bruno - Feb• 25•21

Ebbene per il vaccino parlano parlano, ma nulla di fatto per tutti. Si vede che non hanno personale necessario per l’intervento a tappeto e che,invece ci dovrebbe essere. Quindi massima disorganizzazione, prima over 80, poi forze armate, poi insegnanti.Così si rischia tutti i giorni un lockdown “accattato” come si dice in Sicilia; ogni giorno vi vorrei ricordare che tutti noi rischiamo la vita, vita che c’è stata data per difenderla,così è solo un andare avanti ” a spizzichi e bocconi” . Come pensate di risollevare l’Italia in questo modo; c’è ancor oggi troppa lentezza e pressapochismo cosa che non fa bene né all’economia né alla salute. Bisognerebbe, essere veloci , efficaci; invece si parla e gli italiani vivono un incubo senza fine!
Teresa Campagna.

Cessate dunque d’essere principe.

Written By: bruno - Feb• 24•21

Avete finito voi,voi populisti di cantar vittoria,il populismo è giunto al temine.Con calma e pacatezza Bobo Craxi,così sentenziava urbe et orbi,con sguardo calmo e sicuro e, pareva perfino pensasse:dall’Alpe alle piramidi,avete finito (coglioni)di correre,poi ,una pausa ,senza respiro;una pausa,una di quelle eterne pause ,usate anche da Craxi padre:Trump ha perso le elezioni.Devo confessare che,anche Mussolini,nei suoi discorsi usava la stessa tecnica,tecnica del silenzio e poi del botto,di solito uno slogan,uno slogan composto di due o tre parole,parole che diventavano d’ordine e, la cosa mi ha fatto pensare che costoro,impediti da un filo logico che fluisce e si svolge libero verso l’uditorio sono costretti a condensare, per poter così,con poche parole creare una specie di bombetta oratoria(quasi sempre demagogica) a sorpresa che,secondo loro merita consenso,se non addirittura l’applauso.Niente da dire ,è solo un modo di parlare ,parlare o far discorsi,come Berlusconi che ,quando parla, tiene sempre qualche cosa in mano;di solito un foglio, forse come espediente d’aiuto.Bobo Craxi nella sua calma “regale” però,mi ha ricordato di quella donna;la donna a cui l’imperatore Adriano aveva negato udienza sedendo in tribunale e che la donna apostrofò con sarcasmo:”cessate dunque d’essere principe”.

Friedrich Nietzsche

Written By: bruno - Feb• 23•21

“Ci furono secoli in cui i greci si trovarono in un pericolo simile a quello in cui ci troviamo noi,di perire cioè a causa dell’inondazione delle cose straniere e passate,a causa della “storia”.Mai essi vissero in superba intangibilità:al contrario,la loro “cultura” fu a lungo un caos di forme e di idee straniere,semitiche,babilonesi,lidiche ed egizie,e la loro religione una vera lotta tra gli Dei dell’intero oriente.Pressapoco come oggi e,tuttavia ,la cultura ellenica non divenne un aggregato,grazie a quel responso di Apollo (conosci te stesso).I greci impararono a poco a poco a organizzare il caos,concentrandosi,secondo l’insegnamento su sè stessi,vale a dire sui loro bisogno veri,e lasciando estinguere i bisogni apparenti”.

Friedrich Nietzsche

Per la Meloni non ho firmato.

Written By: bruno - Feb• 22•21

Insulti alla Meloni sono all’ordine del giorno,ma questo significa che vale,vale e spiazza molti dei suoi ,per cui l’insulto è d’obbligo,visto che suscita l’impotenza degli avversari e ,come quel “signore”,per giunta cattedratico ha detto e fatto,non è novità,anzi, oserei dire la norma.Che poi , il cattedratico parli come esperto da bar:vero e proprio professor gazzosa a cui fumano le macerie intelletuali interiori è lappalissiano.Non la farei troppo lunga,l’insulto alla Meloni è realtà;per cui, anche il presidente Mattarella per scusarsi del suo popolaccio salito in cattedra e ,dare la sua solidarietà dovrebbe stare attaccato al telefono ogni giorno,con incursioni telefoniche anche di notte.La storia sarebbe finita qui: la Meloni verrà pesata il giorno delle elezioni(se mai ci saranno) e quelle,solo quelle saranno le solidarietà che contano,le uniche che contano.Oggi;giorno del dopo insulti alla Meloni,anche insospettabili denigratori si affrettano con il motto di Scalfaro del :io non ci stò,e non ci staranno pure ma,c’è qualcuno che ha fatto bottega (come sempre) di questa occasione e ti scrive dicendoti;firma anche tu la petizione pro Meloni,ed uno,istitivamente,anche senza aver proprio bisogno di firmare una petizione del genere,non avendo mai appartenuto alla categoria dei calunniatori,si mette di buon grado a firmare se,se non spuntasse una dicitura:per dare piena solidarietà alla Meloni versa anche tu 6 euro:e questa vi giurio non l’ho capita;non l’ho proprio capita ;per cui non ho firmato.

Vaccini e borsa nera.

Written By: bruno - Feb• 22•21

Io mi vaccino:così si presentano mezzi busti più o meno famosi in tv,pare lo facciano per invogliare tutti a farlo,se non fosse che ,di vaccini, nemmeno l’ombra.Hanno un bel vaccinarsi in pubblico, quando per il pubblico c’è carestia di vaccini,ed è vero,verissimo;questa è guerra,tanto che si comprano vaccini anche a borsa nera,basta pagare,pagare:come si faceva un tempo, con burro e pane bianco,in tempo di guerra ,appunto.

Teresa da Palermo.

Written By: bruno - Feb• 22•21

Finalmente anche i medici di base in azione, speriamo bene. Le persone si possono preparare per avere la dosa di vaccino, ma purtroppo non hanno spiegato le modalità che i medici di base devono adoperare. Questo sicuramente creerà confusione. Ma ricordiamoci sempre che l’Italia è anche questo. L’Italia si potrebbe distinguere in tantissime cose, ma purtroppo ad oggi mancano le regole per una civile convivenza con il prossimo. Italia ” su via” fai vedere che ci sbagliamo.

Teresa Campagna.

Luna Rossa,Palermo.

Written By: bruno - Feb• 21•21

Luna rossa vince in Prada Cup, grande vittoria. Fra qualche giorno si terrà la Coppa America, difficile sfida ma non impossibile. Checco Bruni timoniere palermitano, per questo e non solo la Sicilia non può che ritenersi non solo coinvolta, ma anche molto orgogliosa del team, in particolare di Bruni. Vincere è stata una conquista ” semplice”, ma sudata. Questo, non significa non essere pronti psicologicamente e fisicamente ad un’altra vincita. L’Italia ed tutti i velisti italiani lo meritano dopo tanti anni di fermo. Comunque, come in tutto Palermo e la Sicilia tutta fa’ venir fuori non solo intelighenzie, ma anche sportivi di calibro. Avanti tutta…forza ragazzi siamo con voi!
Teresa Campagna

Schifosamente ,umano.

Written By: bruno - Feb• 21•21

Pare che,in questi giorni in Iran,una donna ,donna condannata a morte per aver ucciso il marito violento sia deceduta per infarto dopo aver assistito all’impiccagione di altri sedici condannati a morte prima di lei.I giudici e i boia hanno comunque deciso di impiccarne il corpo ,eseguendo così la condanna che la legge aveva inflitto alla viva.Viene subito alla mente quanto sia “dura”;durissima la legge,legge che viene eseguita in barba e,nonostante che,la morte stessa avesse già deciso di suo,prima del boia, per liberare quella donna dall’orrore del cappio legislativo.Orrore per orrore,il boia appende il cadavere,la lagge,anche formalmente è salva ,i giudici hanno fatto e fanno il loro mestiere anche in Iran;ed io faccio il mio nel dire che fanno,universalmente schifo.