Angelo Bagnasco.

Written By: bruno - feb• 12•16

Crediamo che l’intervento del Cardinal Angelo Bagnasco sia del tutto legittimo,pur appartenendo ad uno stato straniero rappresenta la maggior parte dell’Italia non solo politica.E, come legittimo rappresentante di un Dio Universale, il suo parere non deve suscitare particolare sorpresa,piuttosto opportunità ,specialmente in materia di “matrimoni” e matrimoni.

Maometto e Gesù.

Written By: bruno - feb• 11•16

IL vecchio,che poi non pareva tanto avanti negli anni esclamò: ma che Cristo Cristo o Maometto,per cosa si ammazzano questi cretini per cosa?1790 rivoluzione francese, per cosa ti ammazzi ,quando sei morto sei morto e ritorni in quell’epoca nel 1790 .I mondi,i pianeti lontani miliardi di anni luce (continuò),anni luce dico e ,appoggiandosi stringendo piatti palmi sulle tempie, mostrava lo sforzo inconcepibile di capire quella lontananza,anzi lo esagerava, strizzando gli occhi come dovesse farsi scoppiare la testa ma, allargando le braccia d’improvviso:che cosa si ammazzano a fare che cosa si ammazzano,questi cretini per Gesù o Maometto poi,ma mi facciano il piacere mi facciano,scrollando le spalle e girando su sé stesso mentre la sua sagoma si disegnava nella vetrina scura dove io e lui eravamo,come figure immerse nel buio del vetro irreale e funebre.Alla mia domanda se fosse vissuto in qualche modo felice mi piantò piccoli occhi astiosi in faccia,mostrando due stretti baffetti bianchi sulle labbra appuntite e non rispose.Quando fui solo ,pensai anch’io alle lontananze siderali su cui avevo da sempre riflettuto senza frutto,pensai a quella strana citazione storica,con tanto di data 1790, sulla rivoluzione francese,senza capire che cosa significasse ma ,non seppi darmi risposta.Ripensando alle lontananze glaciali del vuoto,ripensando a quelle lontananze mi convinsi alla fine che in fondo,in fondo quell’uomo aveva ragione ,una qualche ragione, Maometto o Cristo però dovevano per forza contare qualche cosa per il genere umano qui sulla terra,dovevano essere costretti, come imprigionati sulla terra,se non altro per legge di gravità,la cosa mi convinse come avessi risolto un qualche enigma irto di spinose inarrivabili difficoltà, mi convinse perbacco,colpa della gravità!Guardai lungo la via, l’uomo non c’era più, scomparso.Potevo tenermi quella verità per me solo,in fondo ,il mondo, di quella verità, non ne aveva bisogno.

Rivoluzione francese 1789-1799.

Batracomiomachia.

Written By: bruno - feb• 10•16

Basta!Questa gazzarra onnipresente indecente costante invadente rompi coglioni dei diritti gay ha travalicato ogni limite di sopportazione e,di decenza ,siamo alla batracomiomachia ,siamo alla guerra fra i topi e le rane,basta!

Il Papa e Napolitano.

Written By: bruno - feb• 09•16

Il Papa ha elogiato pubblicamente diversi personaggi politici fra cui,Napolitano,per cui il Papa, potrebbe nominare Napolitano: cardinale a vita,così oltre la nostra “patria”,Napolitano ,potrebbe concorrere al salvamento della chiesa tutta, come ha fatto,bontà sua, per l’Italia.

Sala o Salah.

Written By: bruno - feb• 08•16

Dopo la vittoria “cinese” alle primarie di Milano per Sala, il PD vanta e si pavoneggia che il suo pubblico,il suo pubblico va a votare,in carne ed ossa,non come altri.Ma , invece,quando si dice:andiamo al voto,vediamo se questo governo ha i numeri di fronte al paese tutto, si straccia le vesti , strabuzza gli occhi considerandola una feroce bestemmia e che, assolutamente sarebbe l’apocalisse ,per cui non si deve chiedere di votare “al popolo” e non si deve votare fin che Renzi,Renzi dopo avere dato mance a destra e a manca, come l’uomo del monte dica e pronunci,il fatidico si.Da ultimo una piccola considerazione sul cognome Sala,Sala nel cinquecento per molti che lo portavano si scriveva Salah (famosi Salah girano per il mondo in questi giorni),questi Salah erano arabi portati dai Farnese alla loro corte che,nel tempo e con il tempo ,cancellando la h finale diventavano Sala.Vuoi vedere che abbiamo un ex Salah, come sindaco arabo-cinese a Milano?

Primarie a Milano.

Written By: bruno - feb• 07•16

Visto il tipo di flusso per le primarie di Milano, siamo in grado di dirvi il nome del vincitore:Mao Zedong.

Risorgimento.

Written By: bruno - feb• 06•16

Ci sono trasmissioni e personaggi che, pur dicendo la verità si fanno e parlano come capi popolo e,quando tutto questo avviene sembra di vivere in un improbabile Risorgimento dove, questo Risorgimento,invece di unire cerca di dividere, minacciando ladri e potenti di essere appesi (più o meno giustamente) ad una forca.Essendo io uno che,non mi servirei di un cappio ,nemmeno per appendere una giacca,la cosa mi fa amaramente sorridere,sorridere con amarezza pensando che, questo Risorgimento,tolti di mezzo gli odiati aguzzini, sarà gioco forza farlo al contrario, se mai si farà.

Rachmaninov.

Written By: bruno - feb• 05•16

Non ascoltate Rachmaninov,potrebbe assalirvi senza alcuna tristezza nostalgia d’amore,nostalgia di un lontano passato.Amore amori , solitarie figure,svuotati feticci di desiderio ,amore amori che furono,che furono ,sotto un remoto cielo di stelle,che furono, acqua liquida scorrente fra inumidite rive, lambendo asciutti perfetti piedi di lei lei, che nuda si mostrava e vi guardava non vista, gemma distesa sulla riva , lei che, moriva d’amore,moriva nel velluto verde opaco del suo sguardo.Lei lei, e quella nera,nera mosca , fra due cosce nude e bianche ,splendenti immacolati riflessi accesi dalla luna.No,non ascoltate Rachmaninov, potrebbe assalivi senza alcuna tristezza nostalgia d’amore,potrebbe assalirvi senza dolore e nello stesso tempo straziarvi,straziarsi dilaniarsi il sanguinante ritrovato battito del vostro cuore, esangue cuore che ,sordo risuona come morta bacca, cui dentro sibili un flebile richiamo ,di solo vento.

Dare a Cesare.

Written By: bruno - feb• 04•16

Sala,oggi candidato sindaco di Milano non ci ha detto ancora le cifre definitive del bilancio che,qualcuno,qualcuno qui a Piacenza evoca lo spirito EXPO.EXPO che ha prodotto per Piacenza, una “zolla” di tela con un buco centrale, un video costatoci ben trentamila euro 8 minuti scarsi,fatto per Piazza Cavalli ma dirottato immediatamente ,per dargli un senso all’EXPO.Video messo in un cassetto o come pagina della Fondazione,video di cui non abbiamo sentito più nulla,nulla.Per tacere del deserto o bricolage che turbinava o stazionava nel “Padiglione Piacenza” , questo sia detto senza esagerare e per amore del vero,il vero ” spirito EXPO” che,fra l’altro non ha nutrito nessuno dei morti di fame sparsi per la terra.Ora tentiamo di dare la scalata al Guercino,come si è data la scalata al campanile del Duomo,vuoi vedere che sono proposte lanciate da un gruppo agguerrito di scalatori?Vogliono andare a vedere nelle più segrete pieghe degli affreschi del Duomo, dipinte appunto dal Guercino,pieghe di un arte morta sepolta e cremata.Si vede che l’idea del “ponteggio” li affascina,li avvince e li fa sognare più di ogni cosa che si possa rendere visibile a quell’altezza, specie di giostra insomma,un calcinculo come l’albero della vita EXPO.Renzi dai suoi recenti “trionfi” africani non dovrebbe essere insensibile a queste liane di metallo che resero famoso anche Tarzan.Non mi ricordo più chi,all’epoca dell’impalcatura intorno al campanile del nostro Duomo lanciò l’ideona di scrivere un libro su quelle impalcature,per fortuna non si fece, salvando così qualche albero e la nostra pazienza. In tutto il programma futuro per attirare attenzione sulla nostra città si cita,come “modernità” assoluta in ultimo,ma non ultima,la mostra che Mosconi fece,mi pare al Gotico, mostra che fu un flop degno di nota per non dire flop megalattico.Vogliamo finalmente dirlo?Scriverlo?Dare a Cesare quel che è di Cesare?Qui sulla punta delle labbra mi viene ora questa proposta:ci metto cento euro,dico ben cento, è possibile, ritrovando lo spirito EXPO fare un impalcatura intorno al Pordenone da ben seicentomila euro?Visto quello spirito ma sopratutto il grande successo dell’EXPO?Forza piacentini metterci il resto,grazie.

Sentenza.

Written By: bruno - feb• 03•16

Quel mattino al primo albeggiare svegliandosi pensò:Non c’è peggio di una donna troia che si faccia improvvisamente fedele .Non capiva perché quel pensiero gli fosse venuto allo spuntar del sole,ma fu così.Quando nella sua passeggiata vicino un banco di cappelli usati ascoltò due donne e la commessa mentre si lamentavano della vita,la loro vita,vita che non era più quella di una volta.Voci che s’incrociavano femminili con brevi accenti,quasi merletto vano intrecciato nell’aria che, tuttavia si abbelliva nella sua futile inutile leggerezza.”Siete vecchie” ,l’interruppe la sua voce,voce che uscendo dal suo corpo lo sorprese come cosa importuna e inusuale non richiesta, nemmeno da lui,lui che la pronunciava.Perchè fosse intervenuto a rompere quell’incanto non lo capiva e non l’avrebbe capito nemmeno dopo,eppure,eppure intervenne nell’improvviso silenzio, anzi , l’importuno, venne immediatamente squadrato con meraviglia e dispetto,mentre una di loro,la più timida ,si allontanava per paura.Fu breve il silenzio ,silenzio che parve a tutti eterno, una di quelle continuò: no no,la vita è cambiata c’è molta tristezza tristezza…fu allora che lui sparò una di quelle cazzate che si dicono solo qualche volta nella vita ,affermando in modo risoluto e perentorio:”Lo dice anche Leopardi,non lo sapete? (avrebbe voluto mordersi lingua, sprofondando nella sua infinita stupidità)Lo dice anche Leopardi,continuò :”la vita promette quello che non da”.Lo disse ,lo disse senza guardare in faccia alle ammutolite ,a cui subito e dopo breve esitazione aggiunse, cambiando improvvisamente discorso e avviandosi come per fuggire:nessuno di questi cappelli è della mia misura.Dietro lui si fece improvviso silenzio mentre, quel cretino che parlava al suo posto continuò:vedrete vedrete care signore,vedrete vedrete, non solo la vita promette quello che non da ,altroché Leopardi ,da ultimo,da ultimo, vi toglierà anche la vita stessa.Ora si sentiva…. meglio,o quasi,la vita in fondo finisce per tutti,tutti compresi,nessuno escluso,questo gli apparve chiarissimo, era o no saggio?Ma subito ,preso da improvviso rimorso verso sé stesso provò rabbia,rabbia, non solo per quel fare importuno o per la stupida “sentenza” che aveva speso come un oracolo , calato nel silenzio,sentenza che,come avrete capito benissimo rubata da qualche libro,ciò che l’avviliva di più era che ,che quelle,quelle erano solamente,unicamente tre tristi miserabili befane,e che cazzo potevano spettarsi dalla vita, tre sfiorite befane,bastava dirglielo,così come l’ho scritto ora.