Cirino Pomicino.

Written By: bruno - Mag• 27•16

Non avrei mai,mai e poi mai pensato di condividere qualche cosa con Cirino Pomicino,per chi non lo ricordasse quel rapito della DC riscattato dal rapimento,tanti e tanti anni fa.Ebbene Cirino Pomicino si è scagliato contro il referendum renziano con una veemenza da tribuno,con l’orgoglio del vecchio DC e con un piglio di libertà,libertà sconfinata libertà.Ebbene da allora credetmi, sono diventato un sostenitore di Cirino Pomicino,un fervente sostenitore di questo vecchio DC,del suo pensiero e della sua fiera opposizione.

Le donne di Renzi.

Written By: bruno - Mag• 26•16

Non so come si vestano o che divisa abbiano le donne nei Boy scout ma, la Serracchiani non ne ha bisogno,la si vede ad occhio nudo che non tradirà mai il suo capo,e il suo capo Boy scout è il grande Renzi.Ieri sera con la Gruber e la Berlinguer alla sette, ha fatto fuoco e fiamme.Dal suo visino di porcellana senza una grinza ,unsciva un cinguettio petulante e circostanziato,insistente ed omologato,intraprendente e sopra le righe,in pratica le “vecchie volpi”, Gruber e Brlinguer non sono riuscite a dire nemmeno una parola e,quando dicevano finalmente qualche cosa la formulavano stranamente in forma di domanda,scatenando l’infaticabile Serracchiani all’attacco,ancora all’attacco,sempre all’attacco.Confronto senza contraddittorio, monologo sottolineato da sospiri e mormorii insomma una menata.Questa,la Serracchiani,come l’altra,quella con il padre nella banca Etruria,hanno un solo stile,un solo fraseggiare,tutto puntato di sgambetti e dispetti espressivi che demoralizzano “l’avversario”,per cui risultano sempre in pista come la grandine d’estate picchia sui tetti.Guardando e ascoltando la Serracchiani non è possibile non rivolgere un pensiero a Marziale quando scrive :Dei grandi,che cosino parlatore!Mentre fuori scena un coro lontano si sente:On my honour promise that i will do my best-To do my duty to Gog and the King-tho help other people at all times.To obey the Scout Law.

Renzi ha ragione,ragioni da vendere.

Written By: bruno - Mag• 25•16

Renzi ha tutte le ragioni,tutte le ragioni del mondo ,quando dice che questa è una Costituzione modificabile,e che si la può modificare, come gli fanno coro i vari coristi del suo magico teatro,è vero,questa Costituzione si poteva e si può modificare.Come l’alveo di un fiume che improvvisamente si modifica,prendete l’Arno ,ha tirato giù mezza sponda macchine comprese.Si è modificato ,niente da aggiungere chi lo può negare?Si è modificato,non era immodificabile come la Costituzione,come la Costituzione era una cosa viva,mica morta ma viva e, come tutte le vive cose,si è modificato.Solo che le modifiche di Renzi, come quelle dell’Arno, si sono tirate in acque una ventina di auto,andate a chiederlo a quella ventina di proprietari come la pensano,provate,provate,se avete il coraggio.

Alessandro Bersani, un click dentro il rinascimento

Written By: bruno - Mag• 25•16

Un click nel rinascimento quello di Alessandro Bersani, fotografo piacentino con lo studio in una antica via della città, o della bellezza del ritratto, dove il tratto psicologico si fonde con una tecnica rigorosa, ne esalta il particolare, unisce l’insieme del volto che pare uscito da un nuovo rinascimento appunto. Bellezza e pulizia d’immagine, tenerezza e sapore di marine rive nelle sue immagini, personaggi, volti con occhi vivi di perla appena cerchiati dal trucco preciso che li definisce. Ed anche suo occhio trasmigra dentro il volto, si compiace si abbandona per farne risaltare i volumi, rotondità di umano turgido paesaggio sotto cui scorre il sangue e il cuore, il cuore di queste donne profondamente femminili, donne fissate, fermate per sempre in un margine che sa di antico e di futuro umano. Viva umanità che sorride allo spettatore con grazia, con grazia d’altri tempi, radicata in questo quotidiano, in questi nostri giorni dove la bellezza scompare per sovrabbondanza dentro un ingorgo di immagini che non ci fanno più scorgere l’autentico, il perenne delle nostre radici.Radici che hanno percorso mari ed oceani e che, queste immagini ripropongono nella loro originale nascita, nella loro perenne rinascita ,come Venere venuta dal mare risplende, queste risplendono nello studio di questo fotografo alchimista che vive in una antica via del centro cittadino, fotografo che illumina e tratteggia volti straordinari, di assoluta bellezza.
news@alessandrobersani.com
Carmen Sararu anni 50Pagina Facebook di Alessandro Bersani

Abbasso l’area vasta.

Written By: bruno - Mag• 24•16

Ed eccola apparire l’area vasta a Piacenza,Piacenza destinata a legarsi con Parma e Reggio Emilia,area che aveva suscitato a dir poco un mare di polemiche.La politica e la stampa anche locale,aveva lasciato il diritto di mugugnare,indignarsi, dire no ad un inglobamento che annullerebbe l’inesistente Piacenza,con interessi che Parma porta avanti sfacciatamente a spesse delle “colonie ” limitrofe,interessi ben saldi in virtù di maneggioni politici che hanno saputo valorizzare i loro territori a spese del circondario.Parma gode ancora di privilegi Ducali,previlegi indegni obsoleti privi di senso,essendosi approriata non solo della storia del piacentino ma anche di alcuni prodotti dop,formaggio e coppa.Allargandosi,se ve n’era bisogno ,anche alla sua storia, Velleja , Verdi e non da ultimo il fiume Po.Insomma una imperdonabile prepotenza verso chi ha avuto il solo torto di assassinare Pierluigi Farnese nel lontano cinquecento.Per quel che concerne Reggio poi,lontanissimo feudo PD, con tutto quello che questa affiliazione comporta non parliamone.Quali vantaggi dunque per Piacenza?Quali migliorie per lei entrando in un “vasto territorio condotto da Parma e Reggio?Nessuno,proprio nessuno ,senza nessun rimpianto per il nulla che Piacenza ha sempre rappresentato nei confronti della minacciosa area vasta che in barba ad ogni polemica verrà attuata.

Perché votare si.

Written By: bruno - Mag• 23•16

Tutti o molti credono che Renzi sia un vero riformatore,tutti o molti credono che verranno diminuiti i politici in Italia,tutti o molti credono che in fondo nessuno ha fatto come e quanto lui, quindi vorteranno si,un bel tondo si a Renzi,un bel si all’Europa,un si alla Boschi e a Ferrara,a Feltri a Veridini ed Alfano con Napolitano.Tutti o molti voteranno quel che han voluto credere di volere , il popolo s’infinocchia anche facendolo stare a casa senza farlo votare,s’infinocchia però quasi sempre con poche,confuse poche cose,poche semplici parole , frasi, essenzialmente, vuote.

Renzi si o no.

Written By: bruno - Mag• 22•16

E’gia un dramma poter dire no a questo governo e a questo referendum,un dramma che rischia di non riuscire,anzi visto l’indole degli italiani c’è la quasi certezza che vinceranno i si.E,Renzi afferma che ,se vinceranno i no se ne andrà,qualcuno si domanda se se ne andrà davvero davvero.Avere Renzi fra i piedi è gia un fatto indigesto,poco gradevole anzi decisamente sgradevole,ve lo immaginate Renzi che perde e non se ne va?Siete in grado di immaginarlo davvero davvero?

Sopra un affresco antico di Giotto.

Written By: bruno - Mag• 21•16

“Una giovane,la quale per liberarsi dalla calunnia di adulterio,giura sopra un libro in atto stupendissimo,tenendo fissi gli occhi in quelli del marito,che giurare la faccia per diffidenza d’un figliolo nero partorito da lei,il quale in nessun modo poteva credere che fosse suo.Costei,sì come il marito mostra lo sdegno e la diffidenza nel viso,fa conoscere con la pietà della fronte e degli occhi a coloro che la guardano con attenzione,l’innocenza la semplicità sua ed il torto che le si fa,facendola giurare perché incolpata come meretrice.”Descrizione di un affresco di Giotto, dipinto nella cappella della Beata Michelina,oggi credo perduto.Davanti alla vicenda si resta perlomeno sbigottiti dal comportamento (senza tempo) di questa moglie che,avendo partorito un figlio nero,giura al marito che non l’ha mai tradito.Sopratutto colpisce che il dipinto venne eseguito a conforto della fedelta’ della moglie.

Il bacio di Feltri.

Written By: bruno - Mag• 21•16

Qualcuno dal Giornale,sotto la nuova direzioni di Feltri si è messo a spiegare i vantaggi del si a questo prossimo referendum renziano e lo ha definito, in modo mi pare anacronistico e un poco trombone (per un quotidiano come il Giornale ), che è come per il dopoguarra quando si votò repubblica o monarchia.E’ evidente che per Feltri ,coloro che votano no,sono per la retrograda monarchia,mentre chi vota repubblica,vota questa roba “migliorata” qua che ci siamo trovati fra capo e collo , repubblica avanzata o repubblica in avanzato stato di decomposizione.In realtà non si tratta di votare repubblica o monarchia,perché di fatto ci sono solo un sacco di rospi,rospi che vogliono farsi principe dopo il fatidico bacio,altroché repubblica o monarchia.

Tarnung.

Written By: bruno - Mag• 21•16

Facciamo un poco il punto sul referendum costituzionale.C’era una volta Berlusconi Renzi che hanno deciso in proprio come rifare la Costituzione,in seguito Berlusconi se ne è lavato le mani per l’elezione di un presidente della Repubblica che non voleva .Berlusconi una volta messo all’angolo si è dichiarato contro Renzi,Renzi che fino all’elezione del Presidente della Repubblica era il suo interlocutore privilegiato,anzi sbattendo la porta gli ha dato del dittatorello ,perché metteva in patica la Costituzione voluta anche da lui.Abbandonando il campo ha lasciato però Alfano e Verdini come rinforzi per la sua Costituzione.Renzi che è per la disinvoltura politica si prende i Verdini ed Alfano che desidera,e Berlusconi a questo punto, è anche lui per una politica disinvolta o per un centro vegetale tipo minestrone,dove i pochi potranno comandare nella massima sicurezza con pochi voti.C’è chi giura che tutto questo avverrà ogni cinque anni con grandi immediati vantaggi,senza avvedersi che ,cinque anni del tipo come quelli trascorsi, uno al “governo” si vota i cambiamenti che desidera e può “riformare” anche una Costituzione appoggiandola con il numero legale, senza votare come ha fatto fino ad ora.Insomma qusta “Costituzione” fa gola e Berlusconi e a Renzi che si sentono già in sella con un pugno di voti, però,però non hanno fatto i conti con il terzo incomodo o con le derive che potrebbero giocare loro contro, e qui, in fondo, se la sono cercata,ma quelli,quelli che non se la sono cercata sono i “sudditi” di questo sconquassato paese.