Ogni regime non è Biancaneve.

Written By: bruno - Ago• 17•17

Che cosa hanno immaginato di Regeni i servizi segreti e il rappresentante del sindacato ambulanti nessuno lo saprà mai,come nessuno vorrà sapere la verità tutta la verità su Ilaria Alpi.Una cosa certa è che il regime di Abd al Fattha al Sisi lo ha fatto fuori,ha fatto fuori Regeni fra atroci torture, opera certamente non solo di un adetto alla sicurezza egiziana ma di un sadico in carne ed ossa.La Famiglia Regeni protesta vuole una scorta mediatica,protesta giustamente la dove sono stati violati i diritti elementari cui dovrebbe (sic) essere messo sotto protezione ogni essere umano,ma queste sono favolette si sa,ce le contiamo e se lo contano ma non valgono e non contano un fico secco.L’iteresse d’Italia,l’interesse economico è prioritario,ora mandano l’ambasciatore con grande scandalo della famiglia Regeni (scandalo motivato intendiamoci),si dice che mandino un ambasciatore con al seguito un gruppo investigativo bene, facciano un passo ulteriore ,Italia ed Egitto,facciano quello che fanno di solito,l’Egitto si cosparga pubblicamente il capo di cenere,metta a disposizione il responsabile,o quello che gli è più comodo,lo condanni e lo liberi, dopo il processo promuovendolo,come si fa sempre , così verrà salvato capra e cavoli che se poi,se poi il respondabile è un potente di regime che fa ancora il suo sporco lavoro non cambia niente.Libero processato promosso e operativo.

Laura Boldrini,l’Alcide nei fischi.

Written By: bruno - Ago• 16•17

La Boldrini se le attira come mosche questa montagna di critiche, quando non si attira veri propri insulti gratuiti,la Boldrini risveglia nel popolo tutto la facile battuta di massa,ed è diventata un volto virale,come si dice oggi ,dove sotto ognuno scrive quel che gli suggerisce il suo garbato sorriso,scrivendo a volte la ragione altre volte la sua volgarità ,occorre si rassegni, è il prezzo della popolarità,non c’è nulla da fare.Chi ricorda ancora De Gasperi che all’apparire, anche lui nelle settimane incom al cinema ,chi ancora non lo ricorda in mezzo ad un tripudio di fischi ed invettive al solo suo apparire sullo schermo,quanto poi ascoltare cosa dicesse e se lo dicesse o lo potesse dire ,non se ne capiva nulla ,chi lo ricorda o ha gli anni per ricordarlo?Non è quindi la prima volta di un politico martirizzato a torto o a diritto,la Boldrini spesso dice cose contrarie al buonsenso,astratte piene di virtù in un secolo senza virtù, sopratutto senza virtù da parte di chi ci comanda,ma astratte di virtù in generale,dove la virtù oggi non serve,la virtù non giova, non tonifica l’anima e nemmeno il corpo.E allora,come quasi sempre accade nei secoli,che i secoli nel tempo cambino pelle tanto che chi è sopra, in alto non se ne accorga o finga di non accorgersene,e non se ne accorga, sopratutto per pigrizia o per timore del vero anche se,pare proprio che il secolo si avvii lemme lemme senza esitazione nonostante loro, verso cose concrete e che le cose astratte nei loro concetti abbiano fatte il lor tempo ,essendo i concetti da tutti o troppi praticati e forse ,qualche volta anche da loro spiegati,arrampicandosi però sugli specchi, oramai i concetti da nessuno compresi o comunque da quasi nessuno messi in pratica comunque ,impraticabili.

Gentiloni,romana maceria.

Written By: bruno - Ago• 15•17

Gentiloni in visita alle macerie del terremoto dichiara candido candido:se abbiamo sbagliato qualche cosa la correggeremo.Occorre dare atto alla sua faccia tosta ed a un certo coraggio dimostrato presentandosi nei luoghi dove non solo non si è fatto nulla ma non si farà mai nulla di nulla,anche se il paesaggio calzava perfettamente alle sue parole ,oltre che far risaltare la sua presenza in qualità di maceria romana.

Giù e su.

Written By: bruno - Ago• 14•17

Stupidi questi piacentini,stupidi, non c’è una casa con l’altezza simile a quella vicina,è tutto un salire e scendere nelle altezze,un salire e scendere che la dice lunga sulla testa che hanno costoro,rimarcando il costoro con una smorfia senza disprezzo.Chi faceva la smorfia e lo diceva era un meridionale,un uomo del sud che,si rivolgeva a me credendonmi forestiero della città,lo guardai sorpreso e avrei voluto rispondere almeno per un qualche istinto d’orgoglio, invece annui,pensando fra me e me:ma guarda un po’ cosa dicono di noi questi forestieri,che cosa dicono anche quando ci sorridono, rimuginai istintivamente senza proferire parola seguendo il suo braccio che mi faceva notare la differenza fra casa e casa,il su e il giù e ,in effetti si differenziavano queste casette,spiccavano l’una sull’altra come piccole fette lungo la via,gialle rosse verdi bianche grigie,nemmeno il colore le univa l’una all’altra ma le disgiungeva quasi bandiere dai molti colori con infinite combinazioni striscianti lungo la strada a quell’ora deserta.Provai a controllare di nuovo,di nuovo guardai in alto,vero,nemmeno una della stessa altezza,nemmeno una.Chi, anche per soli venti centimetri,mezzo metro un metro due metri,una spanna,niente da fare era vero proprio vero non una,dico una uguale all’altra,iprovvisamnete dove la strada si allontanava vedo due,due case appaiate,uguali in altezza,mi parve impossibile,forse l’eccezione che confermava la regola, la regola,si la regola e la regola, quando mi avvicinai ,la regola era che mancavano tre dita dico tre dita,per questo continuo saltar di tetti con il suo su e giù,giù e su.

Annibale raus.

Written By: bruno - Ago• 13•17

Insomma dite quel che volete ma commemorare Annibale a Piacenza è una cretinata assoluta,celebrare ricordare addirittura i nomi e i toponimi della Val Trebbia che ricordano ancora dell’invasore le origine africane, un gesto masochistico senza pari senza uguali,ma così è e rassegniamoci,rassegniamoci ancora una volta alla cialtroneria di coloro che piegano la schiena davanti ad un nemico storico d’Italia,storico è vero ma sempre nemico.Un mondo alla rovescia onorare le sconfitte , zona di mezzo dove non esiste nessuna realtà se non il dominio di un fantasia perversa autolesiva,fantasia che celebra il bastonatore,per di più africano,per di più cartaginese,quando di questi tempi d’Africa siam stufi e li vorremmo tutti,tutti a casa loro,sian stufi anche di Cartagine e di tutti i cartaginesi,compresi quelli d’oggi,compresi i loro amici.

Mafia in Puglia.

Written By: bruno - Ago• 12•17

La Puglia,la Puglia che volete ,è sempre stata bella anche se poco boscosa,sole mare ulivi e tanta archeologia tanta.Non tutti ci andavano, un tempo ci andavano in pochi,il viaggio in auto era lunghissimo e appena arrivavi ti prendeva a schiaffi un caldo afoso,un caldo a quaranta gradi che veniva dal mare.Un tempo spiagge di gente cortese affabile ,vedevi solo qualche faccia poco gradevole,qualche faccia ,anche se dalla faccia non si dovrebbe giudicare nessuno,ma veniva spontaneo guardarle di traverso quelle qualche facce.A Torrelapillo mi colpì il caos stradale presenti i vigili che bevevano e fumavano al bar,vigili indifferenti e rilassati.C’era si qualche faccia a cui non avrei mai affidato la più piccola cosa che non possedevo ma oggi, oggi la Puglia sale sulle vette turistiche,in alto e credo meritatamente,occorre dunque rassegnarsi, dove arriva la “pila” i soldi le svanziche,prima o poi spunta anche la mafia anche dove c’era già,e che mafia.

Perdere a Piacenza.

Written By: bruno - Ago• 11•17

Forse c’era l’Eldorado fra i mattoni del municipio,forse ornavano quelle stanze nascosti e anticipatori della quotidiana “architettura” i giardini pensili di Babilonia,forse, appena nato e vergine il paradiso terreste vi cresceva,incontaminato e vergine dal morso di Eva, e ancora splendeva di verde fra il verde con frutta dorata di carichi rami nel municipio di Piacenza.Qualche miracolo stava certamente nascosto in quel palazzotto,qualche magia,qualche arcano incantesimo certamente vi albergava se,se tanta bava ai fuoriusciti amministratori ingombra ora la loro tumida bocca.Non si ricordano,non ricordiamo nemmeno più Papi e presidenti Re e ministri,Imperatori e magistrati e questi,questi sbavano,sbavano come somari sfiancati a cui hanno tolto la stalla.

PD e Alfano.

Written By: bruno - Ago• 10•17

E’ difficile dire che tipo di politica si esprima o si possa esprimere nel PD con Alfano ,o forse è molto più semplice di quello che possa apparire.Il PD pronto a tutto proprio a tutto, pur di non perdere le elezioni non guarda in faccia a nessuno,nemmeno si vede o si guarda più allo specchio.Allo scartato dalla Meloni e dalla lega danno il balcone,la sedia,ammiccano,pronti a far la solita “buona “politica in Sicilia si,buona politica,questa è buona,vogliono regnare ,questo è il punto,il punto,una cacatina di mosca e basta.

Kim Jong-un.

Written By: bruno - Ago• 09•17

Se non fosse per il clima, Donald Trump,come potete vedere ha moderato la sua esuberante personalità,ha fatto anche lui quello che poteva, non quello che voleva,cerca in qualche modo di mantenere attraverso alcuni cedimenti i suoi impegni elettorali ma,ma non tutto fila per il suo verso.Ora ha detto alla Corea del nord di smetterla con tutte le sue smorfiose provocazioni,provocazioni pericolose pericolosissime,anche se qualcuno dice che la Corea del nord ha missili di cartone.Forse, questo qualcuno desidera provare se sono davvero di cartone o veramente atomiche , meglio non sapere.Non vorrei sbagliare ma addirittura il generale di Trump ha consigliato di non fare minacce a vuoto che li salta tutto in aria ,salta in aria la Corea del sud e il Giappone con annessi e connessi.La situazione, grazie a Kim Jong-un presidente della Corea del nord non è florida anzi,è come avere un teppista sotto casa che se ne sbatte di quanto sei grosso,ha la grana e il pistolone , minaccia di farti nero, tuttavia l’America,l’America di Donald Trump ancora tratta,temporeggia,fino a quando?

Vietato fumare.

Written By: bruno - Ago• 08•17

No,la vita non sogno no,e non è nemmeno una commedia,la vita è un cinema,un cinema ma non un film,un cinema,un cinema dove non è stato ancora scritto :vietato fumare,e dove tutti guardiamo,chi seduto chi in piedi lo stesso film.Quando si accendono le luci tutti a casa,ognuno nella sua casa poi alla spicciolata tutti al cimitero,tutti per lasciare posto ad altri che vivi si sentono in un cinema,in un cinema dove nessuno ha ancora scritto:vietato fumare,davanti allo stesso film.