Colomba 2.

Written By: bruno - apr• 22•14

Can you tell us more about this?I’d like to find out some additional information.Ci scrivono in parecchi,specialmente donne ,sul pezzetto “Colomba” che si trova in questo blog.Ma che dire di piu’ signora,che dire?Spesso presi dai nostri pensieri,inutili,dalle nostre passioni,inutili,dai nostri desideri,inutili,non ci accorgiamo che, la colomba di Dio si appoggia ,viene, improvvisamente al nostro davanzale.Viene, proprio nel momento in cui siamo piu’ soli,o, ci sentiamo piu’ soli,malinconici,perduti.Un giorno smarrito mi sono girato e ,quel giorno ,una bella colomba si è messa viva, sul mio davanzale,e mi ha guardato,mi ha visto,con il suo occhio di colomba e mi detto che, fra il bene e il male, Dio ha gia’ vinto.Che dire di piu’ signora, che dire?

F 35.

Written By: bruno - apr• 21•14

Tutti addosso agli aeroplani che si dovrebbe comprare dall’America.C’è chi non li vuole,c’è chi desidera spendere quei soldi per risanare lo stato (insanabile),intanto l’America fa il poliziotto con i suoi alleati.Non si capisce perchè prima gli Italiani si son messi con la” polizia “internazionale,e ,dopo, non vogliono comprare gli strumenti che servono per il servizio,fossero anche aeroplani.Ci si doveva pensare prima, non si vorra’ che l’America tuteli in toto anche i nostri spazi aerei.Fare questi discorsi,di questi giorni, si rischia di attirarsi piu’ di una “benedizione”,ma, cara gente, la politica è questa,fra gli arabi vi sono nazioni terroristiche organizzate,questi,gli arabi, se allenti la guardia ti fanno un quarant’otto che non te lo immagini nemmeno,e lo fanno,in casa tua, lo fanno, mentre Renzi si vende le sue auto blu su ebay.Bastassero gli arabi,ci si mette anche l’Ucraina e la Russia,un ombrello vorremo aprirlo o no?Almeno un ombrello,visto i tempi che corrono,prendetevi questi apparecchi,e non pensateci piu’,l’Italia va a rotoli?Senza aeroplani potrebbe anche grandinare.

Fecondazione eterologa.

Written By: bruno - apr• 19•14

Bhe!Quanto baccano per un nonnulla,qualcuno a messo il suo seme dentro l’utero di un altra che non è la moglie, dove è lo scandalo?Per secoli e secoli l’umanita’ ha praticato questo sistema,nessuno si è mai scandalizzato,nessuno è andato a cercare il proprietario vero del seme,il mondo ha continuato tranquillamente a girare,girare.E’ un metodo cosi naturale che  medicalmente assistito,si comporta come nell’antico,anzi, l’ha perfezionato, ci mette dentro intiero, quello di un altra coppia.

“Incapienti”

Written By: bruno - apr• 19•14

Quando il governo, o, la burocrazia, decide di dire qualche cosa, inventa ,di solito,un termine inglese,cosi’ non lo capisce proprio nessuno, è una moda,modaiola come il liguaggio cifrato di gruppi giovanili.Ma, il governo dovrebbe parlare e spiegare a tutti,specialmente ai piu’ tartassati,dimenticati,emarginati.Ed ecco che i soldi,pare,li diano ad alcuni ma non  agli “incapienti”,questo “italiano” ci mancava,ci mancava proprio,gli incapienti,cioè i piu’ bisognosi non prenderanno un bel niente.Forse ,suonava stonato dire che:per le persone con reddito insufficiente niente soldi in piu’ a fine mese,dare,ottanta euro ai piu’ diseredati sarebbe stato,populista,e, quando si tratta di dare qualche cosa al popolo degli incapienti, per una regola di governo,questo non si fa’,proprio non si fa’.

Marin Marais.

Written By: bruno - apr• 18•14

Marin Marais,nato a Parigi, 1656,figlio di un cordaio,ha un solo fratello che si fa prete,Marais è un violista da gamba alla corte di Luigi quattorcesimo,le sue suit in re,mi ,e la  minore,compresa quella detta: “Le Labyrinthe” sono di un eleganza virtuosistica misurata.La sua forma  da ampio spazio a riflessioni meditative che si allungano in un  periodare intenso ed espressivo.L’esecuzione di Juan Manuel Quintana imprime loro una perfezione senza cedimenti,pulizia del suono in rallentandi misurati.Questo compositore che visse fino al 1728  si esprime in un barocco, privo di orpelli e abbellimenti inutili,sorretto da un lucido impianto compositivo con una specie di dialogo fra il meditativo e l’appassionato.Se,si ha la pazienza di ascoltarlo, vi si scorgono importanti motivi compositivi,nascosti all’ orecchio distratto e dall’uso della viola da gamba,accompagnata dal cembalo.Strumenti inusuali, in un tempo di rompicoglioni,tuttavia,la vitalita’ e la passione emergono nitidi nella sua scrittura,  attraverso anche l’uso del pizzicato che si propone come una meditativa,imperiosa serenata.Ci si abbandona volentieri all’ascolto (per l’esecuzione ),ma, sopratutto per la densita’ di scrittura compositiva di Marais,vi si scorge,in questa scrittura  l’originalita’ del sentimento e l’abilita’ descrittiva,descrittiva,non nel senso figurato,ma, descrittiva di un dentro tutto spirituale.Pare non sia piu’ tempo per questa roba,pare che nulla sia piu’ tempo per qualche  cosa,eppure ,nel mare magnum della musica e della poesia, Marin Marais ha il posto che gli compete,alto per il suo magistero  e l’abbondanza , la varieta’ ,la bellezza delle sue passioni in musica.Come qualche altro musicista (Bach) ha avuto diciannove figli,di dieci si è sicuri.

Bonito Oliva & C.

Written By: bruno - apr• 17•14

E’ tanto il desiderio di essere scopritori di cose nuove fra gli uomini,è tanto, e tale che ,molti attratti, per smisurato amore di sè stessi o, per farsi qualche fama, affermano di avere fatto scoperte importantissime,nuovissime.Scoperte che nessuno aveva mai visto prima,cosi’ sono i “critici” che dicono di vedere in un cesso,in una macchia di qualche gusto o, nei ghirigori di un alcolista,cose meravigliose,mirabolanti,arte mai vista prima ( ci credo).Purtroppo,sono solo macchie,cessi rovesciati,oggetti, fili, luci,immondizia,ingegnose ,penose giustificazioni che cercano affetto e, patente di intelligenza in chi le divulga e le professa.Tutto questo perchè costoro,non sapendo trovare piu’ nulla,o non conoscendo quello che cercano, s’attaccano al nulla,lo riepiono di parole-altro,e ,mostrando, una merda,dicono che vale quanto pesa,peso compreso,tradotto in oro!Bambini, che lungo una riva antica vanno per fossili  ma, non trovandone si accontentano di vetri colorati e tappi di birra.

Marine Le Pen.

Written By: bruno - apr• 16•14

La Gruber è proprio una tedeschina,krukkina krukkina, con l’elmo e il chiodo fisso,ricordate gli elmi, che gli eserciti austroungarici portavano una volta?Quelli con il chiodo?Bhe!Il suo chiodo fisso è Berlusconi,non passa trasmissione che non chieda   di lui all’ospite di turno,cosi’ è successo l’altra sera, anche con Marine Le Pen.Le Pen,una bella tigre per la gallina Gruber.

La valle di Noto apparteneva a un piacentino .(1296)

Written By: bruno - apr• 16•14

1296,Galvano Landi,figlio del Conte Ubertino,trovavasi nella Corte di Federico d’Aragona terzo Rè di Sicilia a cui venne donato per lui, e suoi successori il feudo di Casale di Curcurachia territorio di Augusta,nella valle di Noto,con le sue pertinenze,e giurisdizioni.Il che fu’ quasi presagio della futura grandezza,& immortale honore ch’era per aquistarsi fra non molto tempo,non solamente nella stessa valle di Noto,ma in tutta la sicilia,il Santo nostro Corrado:il quale,ancorchè nato fosse della Progenie Confaloniera,ad ogni modo stimandosi pure, che dal lato della madre tenesse parentado  co’ i Landi,potè facilmente,se non nipote,esser almeno cugino di esso Conte Galvano,dal cui fratello,che si chiamava Corrado,trasse poi il suo nome questo gran Santo.

Fuori gli improvvisatori dal Carmine.

Written By: bruno - apr• 15•14

Ci vediamo costretti sempre piu’ spesso di scrivere su Piacenza,costretti ,per vicinanza e conoscenza,speriamo di non annoiare quel pubblico,che ci legge su altri argomenti.Finalmente la chiesa del Carmine,pare,dico,pare verra’ restaurata e, una volta restaurata che cosa vogliono fare questi dirigenti  di tradizione agricola piacentini?Vogliono fare una bella mostra su Gio’ Pomodoro,mostra internazionale,visto che, Pomodoro,non si vede mai,occorre metterlo in evidenza anche a Piacenza,il mio amico Diego,malignando ,dice che la vogliono fare perchè Piacenza è capitale del pomodoro, una battuta,almeno si spera.Con tutto quello che abbiamo, proprio sul Pomodoro, dovevamo cascare,cominciamo col dire che una bella mostra sull’eta’ romana piacentina e di Velleja,facendoci prestare i lavori da Parma (sculture e arredi,che sono nostri) sarebbe tutta un altra cosa,e, sopratutto, riguaderebbe Piacenza,la sua storia (che molti piacentini manco sospettano).Fra i romani e i giorni nostri,tanti sono i giorni e gli anni, chi desidera pescare peschi,ma in casa nostra.E chi, proprio desidera  vedere i “nostri” gioielli,cominci dal Panini,Bruzzi,Ghittoni,per finire poi con Cinello o Foppiani,mostre antologiche individuali esaustive,non accozzaglie ,ma  autentetiche rassegne, che potrebbero dare un vero orizzonte al nostro territorio,alla nostra citta’.Mostre  ben curate e allestite , degne di un Expo, e perchè no,proposte   ad un pubblico internazionale.I piacentini devono imparare non solo a comprare ma   vendere il proprio “prodotto”,mentre gli altri ci vendono anche la merda d’artista.Si vede, da questa prima proposta, che, i soliti piacentini non sanno specchiarsi,o, non hanno specchi in casa loro,intenti solo a scrutare parlottando,dalla finestra l’erba lontana e sconosciuta del vicino.Ma poi ,qualcuno, potrebbe spiegare cosa c’entra Gio’ Pomodoro con Piacenza e il Carmine?Forza “seduti”,alzatevi, datevi una mossa.

Politica fumetto.

Written By: bruno - apr• 13•14

Come Renzi  anche Spider Man dichiara: lotta dura contro la burocrazia,no, mi son sbagliato,Spider Man combatte  il crimine,perbacco il crimine.Il primo, ipocrita populista , burocrate di stato, Matteo Renzi, ha dichiarato  ,lotta dura, contro sè stesso.La gente non deve sapere (forse non lo sa nemmeno lui), che combatte  sè stesso  per finta,nè, deve sapere, sopratutto,  che l’ha detto anche Spider Man,che lo fa per davvero.L’uomo ragno,  difensore della legalita’ , lotta contro il crimine,il secondo,nemico pubblico numero uno, ne segue la  disegnata figurina taroccando il suo grido in:morte alla burocrazia! E lancia, il suo  tosco grido,  da un divanetto di stato,omaggiato,incensato da ogni burocrate sfuggito a Spider Man.La vittoria, dell’uomo ragno, secondo Napolitano, è inevitabile.