Le perle nere di Kella.

Written By: bruno - Set• 08•19

Ted Bundy nacque a Burlington il 24 Novembre 1946 da Eleanor Louise Cowel e padre NN. La sua adolescenza trascorse serena, fece anche parte del gruppo dei Boy Scouts del suo paese. Era un bambino timido e fu spesso oggetto di episodi di bullismo da parte dei suoi compagni; ma fu nell’adolescenza che iniziarono i primi segni che scoprirono la sua vera natura. Bundy, fu accusato di spiare donne dalle finestre e di rubare vestiario nei negozi. Maturando poi divenne uomo affascinante, dai modi seducenti coi quali attirava le sue vittime Il primo tentativo di omicidio avvenne il 4 gennaio 1974, violenta una giovane, percuotendola con la doga del letto per poi infilare la stessa doga nella vagina della malcapitata. Un mese dopo sparirono 6 ragazze, ma furono trovati solo tre corpi dilaniati a morsi “L’assassino torna sempre sul luogo del delitto” ed infatti Ted Bundy spesso ritornava sulle scene dei crimini per avere rapporti con i cadaveri in ….decomposizione Nel frattempo spariscono altre donne, se ne contano in totale 36, di cui dodici decapitate e le loro teste conservate come trofei Il suo ultimo omicidio avvenne il 9 febbraio 1978, rapì una dodicenne il cui corpo fu trovato dopo otto giorni in un parco. “Purtroppo” per lui due testimoni riuscirono a vedere la targa dell’auto e così venne arrestato e processato in Florida tra il 1979 e il 1980. Usò le sue capacità persuasive per spostare per due volte l’appuntamento con la morte Il 24 gennaio del 1989 alle ore 07:06 all’età di 43 anni venne giustiziato sulla sedia elettrica Lui stesso, forse fiero, si definì “Il più gelido figlio di puttana che incontrerai mai”

Kella Tribi.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.