Le perle nere di Kella.

Written By: bruno - Ott• 18•19

Gabe Watson Tina e Gabe Watson si sposano nell’anno 2003 e decidono di andare in luna di miele in Australia, per godere delle bellezze della natura e nuotare fra le meraviglie della barriera corallina. Tina era felice, ma la luna di miele programmata con amore, si trasformerà ben presto in un incubo terribile, morirà infatti durante un’immersione, nonostante fosse una espertissima sub. Gabe , deve aver premeditato il delitto prima delle nozze, e questo rende ancora più orribile il suo gesto. E’ stato quindi accusato di essere l’assassino di Tina, grazie anche alla testimonianza di alcuni sub presenti sulla scena. Avrebbe agito freddamente, spegnendo la bombola del gas della moglie, trattenendola fino a farla svenire, per poi farla scivolare sul fondo, dopo un’embolia, causandone la morte. Il motivo di un gesto così disumano, sembra essere legato ad un fattore economico, l’intento di Gabe era infatti, quello di incassare i soldi dell’assicurazione .Particolare inquietante: al processo Gabe si è presentato all’udienza con la sua nuova fidanzata, che assomigliava incredibilmente alla moglie assassinata: stessi capelli, stessi occhi, stessa corporatura, stesso stile,non si sa se esperta sub. Praticamente una copia della moglie. Si potrebbe dire una copia eseguita in 3D…. La battaglia legale che ne è seguita è stata lunga, come sempre in questi casi: per un certo periodo si è combattuta fra Australia e Usa, per via dell’estradizione negata in un paese con la pena di morte. Alla fine Gabe verrà assolto per mancanza di prove, nonostante l’ammissione processuale di non aver aiutato la moglie. Non si hanno notizie se abbia convolato a nozze con la “nuova” Tina e se abbiano mai fatto di nuovo un immersione “a due” con lei ,nè(e questa è la cosa più interessante), se sia stato possibile per il killer dei mari , godere i soldi dell’assicurazione.

Kella Tribi.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.