La “quindzeina”.

Written By: bruno - Dic• 30•12

La “ quindzeina “

Da sempre, vivendo in campagna, sento spesso l’espressione “ quindzeina “ per definire un canaletto per irrigare i campi, oltre che indicare anche un numero approssimato, una quindicina di un qualcosa, piuttosto di una dozzina, di una decina ecc.

Oggi leggendo i Decreti Viscontei e gli Statuti del 1391 finalmente sono arrivato a darmi una ragione del significato.

Già da allora, un concessionario della derivazione di acqua, prelevata da torrenti o fiumi, aveva il diritto di condurre l’acqua medesima ai suoi tenimenti, facendola passare anche attraverso il fondo altrui.

I proprietari dei fondo tagliati ( definiti quindicinanti dal decreto ) avevano diritto ad una indennità quale corrispettivo dell’attraversamento del canale per il loro fondo. I proprietari avevano possibilità di scegliere tra una indennità “ una tantum “ oltre ad un uso delle acque che scorrevano nel canale o rivo stabilito per “ quindicina “ disciplinato cioè da un calendario a scadenza quindicinale. Si configura quindi un diritto di servitù, ancora esistente, in cui dominante è il fondo attraversato e servente è il corso d’acqua.

La  “ quindzeina “ , canaletto destinato a scomparire dopo il raccolto stagionale, per attinenza prende nome dalla servitù di derivazione.

Sante Benedetti

 

 

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.