Fare zapping.

Written By: bruno - Mar• 01•21

Lo zapping,lo zapping con la tv è un divertimento lo si sa,vi appare e passa di tutto;dove tutto si vende e si propaganda in nome di una pretesa serietà che finge di non voler assolutamente vendere;ma proporre,proporre amichevolmente, proporre l’affare,il grande affare,l’imperdibile affare che non si sa perchè;essendo un così grosso affare non se lo tengano loro invece di darlo a terzi.A volte si fa zapping,per noia o per divertimento,si fa zapping in momenti di pausa o riposo: e chi ti vedo in un tardo pomeriggio di fine inverno in virtù dello zapping?Telelelibertà,Telelibertà con i suoi inserti culturali (sic), qui rappresentati dal direttore della galleria Biffi(di cui non ricordo il nome),la Bagarotti,Papamarenghi;un uomo che starebbe bene ai giardini con un busto a cui dare un nome,per una qualche professione e,ma;anche: Gazzola Eugenio,che ho appreso essere stato indicato dalla prefettura come esperto componente per la Ricci Oddi(vicedirettore).Di Gazzola sarebbe bello sapere e conoscere anche il curriculum,curriculum che non si legge da nessuna parte.Arrivato tardi con lo zapping,si parlava dell’immacabile “moderno”Paladino,che moderno ci pare una contraddizione in termini essendo quello del napoletano , emanazione di Bonito Oliva,un tardo etrusco,molto più antico quindi del Mochi.Il direttore della biffi,parlava della casalinga di Varese;e che lui,lui accontenta tutti,tutti,proprio tutti, non ha pregiudizi di alta o bassa cultura,ben incanalato nel solco dell’autore nel Nome della Rosa (Umberto Eco).Finito il cicaleccio “culturale” ecco spuntare l’argomento musica;ripeto musica,proprio musica,musica da parte del signor Gazzola ,che di musica deve essere un informato rappresentate ,visto che dichiarava:basta Verdi!Facciamo una musica del secondo novecento,senza nominare uno straccio di autore,la Bagarotti suggeriva i tamburi (ed è diplomata in arpa),Pamarenghi:musica nei cortili,che è una altra novità assoluta ma,quello che colpiva, ed ha colpito è stata una chiusura del nuovo vice della Ricci Oddi che ha esclamato:facciamo il secondo novecento “cioè il contemporaneo” :basta Verdi,perchè, prima o poi la gente,la gente si sveglierà.Vorrei;vorrei sommessamente ricordare al vice della Ricci Oddi che ,il Conservatorio ,ripeto:il Conservatorio per i disattenti,una sessantina d’anni fa ha avuto come direttore Marcello Abbado,fratello di Claudio e che,insegnando composizione ha fatto comporre:Marcello Abbado, il contemporaneo da tutti,tutti tutti e che;a Piacenza,dico a Piacenza ci sono stati fior fior di compositori (purtoppo ancor oggi troppo contemporanei) che non ascolta nessuno e ,molto probabilmente non ha mai sentito nemmeno il signor Gazzola.Gente che ha occupato teatri e sedi rai con le loro prestigiose composizioni vedi:Zanaboni,Cataldo,Garilli e tutti gli allievi di Donatoni che insegnano al Conservatorio.Forse,forse il signor Gazzola,nominato dalla Prefettura come consulente manager alla Ricci Oddi,vorrebbe fare come con Paladino:paghiamo uno di grido:anzi ,pagate uno di grido(intanto vado a vedere sull’annuario alla voce:di grido) per la musica contemporanea che ,per Gazzola ,esser di grido deve essere una specie di nuovo catalogo Ikea in attesa che il pubblico,o il popolo prima o poi si “sveglierà”.Qualcuno dica, al signor Gazzola;nominato dalla Prefettura vice della Ricci Oddi che;Laura Pausini,oggi,nella fiera del cotemporaneo ha vinto il Golden Globe per la miglior canzone e che, più contemporaneo di così, si muore, altrochè catalogo Ikea del secondo novecento che ha ,oggi,le sue gatte da pelare.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.