Archive for gennaio, 2016

Calendasco.

Riempie di piacere e di contento vedere che, Calendasco si è convertita alla via Francigena,ad essere maliziosi si potrebbe pensare che l’amministrazione voglia fare cassa con il castello,fare cassa per la sua ristrutturazione,di cui noi, in ogni caso e non per malizia, siamo ammiratori incondizionati ed entusiasti.Ci permettiamo tuttavia di fare osservare che, il castello,il […]

Read the rest of this entry »

Milano.

Guardando i candidati sindaci di Milano si prova la sensazione che Milano dovrà fare da sola,le proposte sono:farò case per il popolo,ho fatto bene l’expo,sono in corsa per Pisapia,prenderò i voti degli indecisi.Francamente ci sembra di essere davanti a degli impiegati del catasto o a qualche postale da sportello ,senza per questo nulla togliere agli […]

Read the rest of this entry »

Renzi-Merkel.

Renzi,in questo difficile momento ha dichiarato,a seguito della sua visita in Germania che:ci sono più punti che uniscono di quelli che dividono,un commentatore televisivo l’ha qualificato come commento diplomatico,direi invece che, con tutti quei sospetti punti di contatto ci si deve preoccupare.Si apprende però che l’incontro Renzi-Merkel è stato :”un buco nell’acqua,uno zero a zero […]

Read the rest of this entry »

Matrimonio.

In Principio Dio creò il cielo e la terra e ,dopo aver fatto molte cose come sono testimoniate dalla Bibbia, fece l’uomo a Sua immagine e somiglianza li creò;maschio e femmina e disse a loro siate fecondi moltiplicatevi riempite la terra.Fu certamente in quel tempo che l’uomo visse privo di ogni regola nel moltiplicarsi,si praticò […]

Read the rest of this entry »

Nudi.

Insomma diciamocela tutta,piantiamola di scandalizzarsi sulla visita del premier arabo a Roma,con relativa copertura delle ignude statue,ignude mentre tutti,tutti improvvisamente le volevano nude e crude davanti al mondo.Piantiamola,è da tempo che questi nudi sono scomparsi è da molto molto tempo che l’arte,che un’arte come quella che “infesta” Roma non si vede più in giro.Bonito Oliva, […]

Read the rest of this entry »

Coppa & “coppa”.

C’era una volta a Piacenza,un salume che si chiamava coppa,ed era ,questo salume ,rinomato per ogni dove,c’era una volta a Piacenza un salume che si chiamava coppa ,oggi, per decreto del governo della Regione è di Parma,la coppa è quella e solo di Parma.Niente da eccepire perché la coppa c’era una volta a Piacenza c’era […]

Read the rest of this entry »

L’ Alberoni spende spende.

Insomma l’Alberoni era uno spendaccione;”vedendo che tra le suddette spese ci son quelle del costo di un’altra Carrozza Nobile,quattro mule,oltre all’altra Carrozza e le quattro mule nell’anno 1713 con lo sborso di doble 287.Farò correre questa nota delle quattro mule e nuova Carrozza che avete comprato per conto dell’ A.S.S.ma”.E aggiunge:”io spero che d’ora in […]

Read the rest of this entry »

Come vivere felici.

Oggi è di gran moda sposarsi,sposarsi perché è civile,sposarsi perché con passione ci si ama,sposarsi sposarsi,è di gran moda sposarsi.Sposarsi per uniformarci agli stati del mondo ricco ma,è proprio questo uniformarci che urta se, uniformarci per uniformarci vuol dire solo sposarsi.Mentre sarebbe meglio,molto meglio uniformarci per essere felici e meno poveri anche soli,uniformarci a volte […]

Read the rest of this entry »

Fidia.

Sì,un mio amico mi apostrofava così:se fosse rimasto a Piacenza avrebbe dovuto attaccar bottoni alle tonache,le tonache che oggi non si usano più ,quelle dei preti,anzi sarebbe morto di fame per mancanza di vocazioni e perché i preti, non usano più le tonache.Un mio amico mi apostrofava così,proprio così, con il suo fare colorito a […]

Read the rest of this entry »

Bandiere e sogni.

Pare che sognare bandiere indichi un sognatore con grossi problemi,ed io ho sognato immacolate bandiere che arrotolavo lungo l’asta per portarle non so più in quale luogo.Le portavo sotto braccio e tutti mi guardavano,devo essere messo davvero male ,molto molto male, perché quelle bandiere erano bandiere verdi bianche e rosse, quindi italiane, peggio di così […]

Read the rest of this entry »