W i cannibali.

Written By: bruno - Mar• 28•16

Non leggiamo mai,mai Camillo Langone,ma lo vediamo apparire ogni tanto improvvisamente come opinionista ultra religioso per un giornale di destra che qui,su due piedi non sapremmo citare.Bene,questo Lagnone,con aria strafottente da schiaffi, si è posto coraggiosamente ieri sera (alla 7) contro una pallida ,bionda intrepida fanciulla che aveva il solo torto di dichiararsi vegeteriana e che ,un altrettanto coraggioso Philippe Daverio ha definito oca.A sentir parlare di lattuga e crescione,apriti cielo, il nostro Langone da vero maschilista esorcista ,ha dichiarato,di mangiar solo cavalli e di seguire un corso da macellaio presso proprio domicilio,cominciando con polli galline (per ora, il prode ,aveva solo ingoiato qualche gambero crudo),fino ad arrivare ad animali più grandi ,come potrebbe solo fare un vero truculento boia da caccia grossa.Noi, che siamo cannibali ,queste cose ci fanno sorridere e, vorremmo consigliare al signor Langone che,le donne,le donne (come quella che aveva davanti),le donne in quanto femmine ben cresciute, sono di carne più dolce di quelle maschile ma, non sappiamo se sia possibile fare un corso su come macellare donne al proprio domicilio con qualche permesso legale,si può sempre tentare in barba alla legge.E non finisce qui,il Langone è grande esperto di Sacro,non vorremmo fosse (il) solo sacro possibile e vero,quando afferma che chi non mangia carne ed è vegetariano non è cristiano,dimenticando l’astinenza di molti primitivi francescani che adoravano un tozzo di pane come il miglior condimento del mondo ,pane accompagnato da un sorso d’acqua sorgiva quale pasto completo e luculliano.Ma vale la pena di scrive e parlare di tutto questo?Da ultimo il Langone è grande esperto d’ arte, ed ha selezionato: “dieci divini pittori” da colica renale .Cominciando da quella scelta si vede benissimo che ,Langone inveisce parla sceglie vola,senza far rumore, zanzara che vola e muore,muore e lascia, a pelo d’acqua, la sua breve vita.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.