San Corrado:il Santo negato.

Written By: bruno - Ott• 08•12

Nel 1568 il Duca Ottavio Farnese,come abbiamo gia’ specificato precedentemente per il patto di non vendetta, fu obbligato all’acquisto dei Feudi del Conte Giovanni Anguissola,feudi di:Riva Carmiano ecc.ecc. per il prezzo di centossentanovemila duecentossessantasei lire,quindici soldi e sei denari di moneta Piacentina,non bruscolini.E cosa ne fa di questo acquisto,dopo tre giorni investe,col titolo di Feudo e di Marchesato,Paolo Vitelli di Citta’ di Castello uno dei piu’ vecchi ufficiali della sua corte.Cosi’ come fara’ con il Feudo di Calendasco nel 1688 a favore del Perleti. Disfandosene ,obbligato a comprare,quello che avrebbe volentieri incamerato vendicandosi dell’assassinio di Pier Luigi Farnese.Obbligato,subendo con atto autorevole ma anomalo per i tempi,quando,in quei tempi, si rapinavano anche i viventi.Un bel rospo,e poi,questo Santo della famiglia Confalonieri gli doveva pesare  con piu’ forza in una lotta  sottile, fra potere ed ossequio religioso.Fra l’apparire e l’essere,in una societa’ che non riconosceva il perdono e piu’ avanti spiegheremo l’enormita’ di questo odio represso.In questo conflitto sta tutto il mistero del Legato San Corrado,depositato nell’archivio di Calendasco,che,dimenticato,rimosso,anche dalle coscienze,dovra’ attendere la fine dei Farnese e dei Borbone,non solo ma superare i giorni di Napoleone.Per poi ripresentarsi con forme fantastiche create ex novo da spiazzati storici,quasi gli studiosi fossero impediti,paralizzati da questo lungo sonno a cui fu costretto il Legato San Corrado.Se ne era persa ogni memoria,documento “oppresso” collegato ad un delitto,ad una congiura.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.