Quei giorni.

Written By: bruno - Ago• 14•19

Quei giorni, le sere, i nostri tramonti. E le cene e il porto. Quella sera ventosa e il rumore delle barche in ormeggio. Le luci sfuocate in quel nero infinito che si disperdeva nell’inchiostro del mare. E i fantasmi delle barche che cantavano le loro strane canzoni. Tintinnii, scricchiolii, l’umido che veniva dall’inchiostro lontano, ci copriva di minuscole gocce e io coi tacchi alti mi sentivo così bella, e un brivido di freddo e la corsa verso la macchina per far ritorno dove ci attendeva una promessa. Ecco cos’era. Era l’attesa di una promessa come bambini a Natale. Lì si è bruciato tutto ciò che rimaneva della mia gioventù. Anzi, il suo tardo e più bel fiore.

Francesca Pierucci.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.