Piacenza: Lega se ci sei batti un colpo.

Written By: bruno - Lug• 18•19

Chissà perché le giunte a Piacenza,le giunte,di qualsiasi colore siano si uniformano tutte ad un specie di centrosinistra.E’ però vero che la sinistra a Piacenza ha dato la sua impronta più radicale,tanto radicale che quella è e quella rimane nonostante la gente voti contro quelle politiche.Tutto rimane mummificato,qualche aggiustatina qua,un po’ di colla la, e tutto rimane intatto,senza fare una piega,come prima, per la gioia di tutti i burocrati di sinistra che incrostano il comune.Poi,quando un consigliere ,Levoni,chiede una decisione presa tempo prima e che doveva solo essere confermata,si sfiorano le comiche per l’atteggiamento della Barbieri (sindaco sic) che nervosamente parla di giacchette e di qualcuno che gliele tira,per fortuna non si è sentita tirare per la gonna che sarebbe stato un insulto sessista.Insoma un tira molla per un prima che non tramonta mai e che la signora Sindaca conferma senza nessuna tirata,nemmenmo d’orecchie.Una domanda sorge allora spontanea,Piacenza ha votato un centro destra perché certe anomalie dovessero essere riformate,se non abolite, (come ha invece fatto senza tante manfrine la sinistra un tempo) abolite del tutto , proposte ex novo per una città per una cultura,non “quella cultura” ,per una sua cultura che non si esprima con un Papamarenghi ai piedi di un “nuovissimo” monumento memoria di settantanni fa copia e incolla preistorico sullo Stradone Farnese in memoria di “tempi difficili” .Che poi questa è la sola desolante retorica “cultura” per questa città che,al suo meglio oltre citare gli episodi vecchi di settantanni e per mai smentirsi ,onora un suo antico nemico, Annibale.Città senza identità,senza nessun passato se non quello di un cartaginese nemico d’Italia,sopratutto città disinteressata ad un qualsiasi futuro.Pare,e vorrei aggiungere che ci siano,ci siano anche dei leghisti al governo assieme alla Barbieri,bene, la Barbieri,la Barbieri si vede,anche ad occhio nudo i leghisti,la Lega no forse non conoscono il tiro della giacchetta.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.