Perdute estati.

Written By: bruno - Ott• 31•19

Le future nebbie mostreranno ancora ai miei occhi il tuo silenzioso passo? Che mi portino verso la mia gioventù, quando ero figlia. Che mi portino verso i giorni in cui chiedevo amore. Ora so che posso solo darne. Ora so che amare è come lanciare un piatto sasso sulla tavola marina dei miei antichi tramonti, mia è la spinta che porta sulla luna tutti i desideri, come spighe di campi assolati, mosse al vento caldo delle perdute estati.

Francesca Pierucci.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.