Orizzonte

Written By: bruno - Giu• 05•20

Urlava del tuo silenzio il verde bosco e il cielo sonnacchioso di nuvole sparse. I mucchi di foglie come i giorni morti e il giglio di mare piangente dimenticato all’agonia del sole chiedevano dei tuoi passi veloci e della vita che gli donasti. Mancavi anche alle foglie morte che giacevano lì, ad aspettarti. Le farò coprire di bianchi sassi che urlino al cielo di ridarmi i miei giorni. E il cielo mi indicherà l’orizzonte che sempre miravi sul far della sera.

Francesca Pierucci

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.