Modificare la legge Salvini.

Written By: bruno - Giu• 30•20

Questo governo,anche se chiamarlo governo è una parola troppo grossa ma,visto che si da un nome ad ogni cosa o la si ribattezza oggi,quasi ci si trovasse ancora al tempo d’Adamo ed Eva la rossa,chiamiamolo governo.Questo governo arde ,brucia dalla voglia di cambiare le norme Salvini sulla sicurezza.In fondo Salvini non è più al governo sbotta una sua rappresentante piena di sé per cui,per cui via quelle barbare norme.Gran parte di costoro si chiamano e si definiscono atei,non credono in Dio per capirci,e da questo lato, loro guardano e agiscono nei confronti del mondo universo.Il fatto è che quando la religione o un certo tipo di religione la butti dalla porta rientra sempre dalla finestra,anche nella casa “moderna” di un ateo mondano.Prendiamo ad esempio la legge sulla leggittima difesa approvata giustamente dal precedente governo in carica,vista da costoro,quelli di adesso ,come fumo negli occhi ma,per giustificare o meglio capire la loro impostazione verso l’ uso della legittima difesa occorre andare addirittura a San Cipriano o Lattanzio,Sant’Ambrogio,Sant’Agostino i quali stabiliscono il principio che non è permesso ad un cristiano il conservare la propria vita a spese altrui.Se,se un cristiano è assalito da un ladro,non può ucciderlo per difendersi.Chiunque uccide per difendersi,è un delinquente.Addirittura Tertulliano,e questa la dice lunga sullo spessore evoluto dei nostri atei moderni riformatori romani.Tertulliano se ne esce con questa “bella ” massima:colui che o con le armi o con il mezzo di giustizia difende ciò che gli appartiene,viola il precetto che ci ordina di sprezzare le ricchezze.Insomma costoro,questi illuminati “riformatori” vengono da lontano,molto molto lontano addirittura dalle tenebre della ragione e,per certi versi,come reperti preistorici occorre anche capirli ma questo non significa giustificarli.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.