Le perle nere di Kella

Written By: bruno - Mar• 06•21

Maria Teresa Goretti nacque a Corinaldo (Ancona), il 16 ottobre 1890. I suoi genitori, Luigi Goretti e Assunta Carlini, erano dei contadini e, oltre a Maria, avevano altri cinque figli
La vita agraria era dura a Corinaldo, perciò i Goretti si trasferirono in cerca di fortuna nel Lazio in provincia di Latina, a servizio del conte Gori Mazzoleni. Assieme alla famiglia Goretti, si trasferirono anche i Serenelli, famiglia altrettanto numerosa. I due nuclei si sistemarono in due cascine vicine, ma per entrambi le condizioni di vita non migliorarono in quella terra paludosa che sarà bonificata soltanto a partire dalla seconda metà degli anni venti del Novecento.
Oltretutto, i Goretti furono colpiti dalla malaria che nel 1900 portò via il padre di Maria, Luigi. Con la morte del capofamiglia, i Goretti si avvalsero del sostegno dei Serenelli. In questo periodo si intensificò il rapporto tra Maria Goretti e Alessandro Serenelli, ventenne, otto anni più della piccola. Il giovane uomo tentò varie volte un approccio con la bambina, che riuscì sempre a scappare alle sue avances, pur non comprendendo fino in fondo, da bambina ingenua quale era, cosa volesse da lei il vicino. Fino al 5 luglio 1902.
Quel giorno, Alessandro Serenelli attirò la bambina nella sua cascina con una scusa e pochi istanti dopo si ritrovò addosso il Serenelli, intento più che mai a usarle violenza.
La piccola si difese come meglio poteva, cercando di togliersi di dosso il ragazzo. Serenelli dinnanzi all’ennesimo rifiuto si innervosì, afferrò un punteruolo e cominciò ad accanirsi sul corpo della giovane. Saranno 14 i colpi inferti.
Trascorsa la furia, Alessandro Serenelli lasciò la bambina agonizzante in terra e si dette alla fuga, ma fu acciuffato poco dopo. Ancora viva, Maria Goretti fu condotta d’urgenza all’ospedale nella vicina Nettuno. Qui fu sottoposta a un intervento chirurgico, nel disperato tentativo di salvarle la vita: non ci fu nulla da fare e la giovane spirò il giorno successivo
Secondo quanto raccontato, prima di esalare l’estremo respiro, Maria dimostrò la sua ferma fede cristiana dicendo al parroco e ai familiari radunatisi attorno al suo capezzale che perdonava il suo carnefice: “Per amore di Gesù”
Canonizzata nel 1950, Maria Goretti è una delle sante più giovani d’Italia e la sua storia è una delle più conosciute da credenti e laici.
Le spoglie di Maria Goretti, per la chiesa cristiana “martire della purezza”, dal 1929 si trovano nel Santuario di Nostra signora delle Grazie e di Santa Maria Goretti a Nettuno; alcune reliquie, invece, sono state traslate nella natia Corinaldo, dove è possibile visitare la piccola casa in cui nacque.
Per quel che riguarda l’assassino, Alessandro Serenelli, la condanna comminatagli fu pari a trenta anni, da scontare nel carcere di Noto, in Sicilia.

Kella Tribi

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.