Le perle nere di Kella.

Written By: bruno - Gen• 16•21

La vicenda è quella della morte di Sana Cheema, la 25enne di origini pachistane, ma residente con la sua famiglia a Brescia, uccisa nell’aprile 2018 mentre si trovava nel suo Paese perché si era opposta al matrimonio combinato dai suoi familiari con un cugino e voleva tornare in Italia, dove aveva un fidanzato, amici, la sua vita.

Sana, cittadina italiana di famiglia pakistana, vuole vivere come ogni venticinquenne, a modo suo, sbagliando, fallendo, imparando. E se questo vuol dire vivere all’occidentale è così che sarà, in fondo è italiana, bresciana.
Gli uomini della sua famiglia questo non possono accettarlo, vogliono che segua la tradizione e sposi l’uomo che hanno scelto per lei, suo cugino. Hanno combinato le nozze in Pakistan e lei deve obbedire, da brava, non può deluderli. Ma Sana è irremovibile.
E così, tornata al villaggio natale, Sana viene ritrovata con l’osso del collo rotto. ‘È stato un malore’, dice suo padre e la fa seppellire l’indomani. Nessuno in Italia sa cosa sia successo, da un giorno all’altro gli amici si sono accorti con sgomento che tutti i profili social di Sana sono stati rimossi.
Decidono di fare rumore, di coinvolgere i media mentre, in Pakistan, il corpo viene riesumato per l’autopsia. Strangolata, brutalmente, forse da più persone, è l’esito dell’esame. Il padre, il fratello e lo zio di Sana vengono perseguiti, ma a loro carico le autorità pakistane non trovano prove e così vengono assolti. In Italia sono tutti convinti che sia stato un delitto d’onore, la procura apre un’indagine a carico del padre di Sana e del fratello maggiore. Sono accusati di averla immobilizzata e strangolata con un copricapo tradizionale.
Nell’ultima udienza, i magistrati hanno dovuto prendere atto del fatto che i due uomini sono irreperibili e – dunque, in assenza di notifiche – hanno dovuto aggiornare l’udienza al 26 ottobre 2021, nella speranza che si riesca a rintracciare gli accusati
Sana Cheema aveva 25 anni e voleva solo decidere della sua vita.

Kella Tribi

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.