Le perle nere di Kella.

Written By: bruno - Set• 29•19

Jerry Brudos (31 gennaio 1939 – 28 marzo 2006) è stato un serial killer e necrofilo. Si hanno notizie che abbia assassinato almeno quattro donne in Oregon tra il 1968 e il 1969. Era soprannominato il serial killer feticista Forse per vendicarsi della madre che lo maltrattava, perché nato maschio, fin da piccolo fu attratto in particolare dai piedi femminili, ma anche da indumenti intimi, scarpe, abiti, sempre femminili, che rubava nelle case o nelle scuole La prima denuncia avvenne all’età di 17 anni: minacciò una ragazza con un pugnale, per indurla a fare sesso con lui. Denunciato, fu internato per 9 mesi in un ospedale psichiatrico. Uscito si sposò, ma continuò col suo fanatismo verso scarpe ed indumenti femminili. Si pensi che per eccitarsi, obbligava sua moglie a fare le pulizie in casa nuda, con ai piedi scarpe con tacco a spillo Ma fu nel 1968 che ebbe inizio la sua vera e propria perversione sessuale; iniziò ad uccidere donne serbandone corpo e abiti in un garage Segue, per dovere di cronaca, breve elenco certo di donne massacrate: Linda Lawson 19 anni che strangolò, tagliò il suo piede sinistro, lo mise nel congelatore e gettò il corpo in un fiume Karen Sprinker, la fotografò con biancheria intima poi la uccise e le tagliò i seni Jan Whitney, che strangolò e praticò atti di necrofilia sul corpo Linda Salee, 22 anni che uccise ma si astenne dal tagliarle i seni perché, affermò, troppo “rosa” Le indagini condussero al suo garage, dove vennero trovate tutte le prove dei delitti. A Jerry Brudos non restò che confessare e venne condannato a 3 ergastoli Durante la sua carcerazione, pare si fosse procurato cataloghi di scarpe da donna, che definiva pornografici Un cancro al fegato ebbe la meglio su di lui e morì il 28 marzo 2006 all’età di 67 anni

Kella Tribi

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *