Le perle nere di Kella.

Written By: bruno - Giu• 01•20

Yoo Young-Chul nasce il 18 aprile 1970 in un villaggio della Jeolla Settentrionale, a circa 200 km a sud della capitale Seul. La sua infanzia non è felice; i genitori litigano spesso, la sua nascita non era voluta e sua madre infastidita dall’averlo partorito avrebbe addirittura voluto ucciderlo. Come prevedibile, i genitori divorziano e Yoo viene cresciuto dalla nonna. A sei anni va a vivere dal padre a Seul: troverà lì una matrigna, parecchio dura e manesca e a 8 anni Yoo fugge andando a vivere con la madre e la sorella Nonostante i problemi famigliari e la mancanza di denaro, Yoo alla scuola elementare si mette in evidenza per la sua educazione e diligenza Alle scuole medie ed è fortemente attratto dalle materie artistiche. Gli piace incidere il legno, comporre poesie, dipingere e cantare. Parrebbe essere un animo nobile ma la vita gli riserva ben altro Terminate le medie nel 1987 si iscrive a un liceo d’arte ma non passa le selezioni e la sua famiglia non ha il denaro per iscriverlo a una scuola d’arte privata. L’impegno e l’educazione portano a nulla e non si diplomerà mai La sua vita sembra andare in pezzi, Yoo odia ricchezza di chi lo circonda e si convince che la causa della sua rovina siano i ricchi ed inizia così nel 1988 la sua discesa all’inferno Entra e esce dal carcere, per furto, vendita materiale pedofilo, contraffazione, furto d’identità, abuso sessuale minori, omicidio, cannibalismo e nel marzo del 2000 viene arrestato per aver violentato una ragazzina di 15 anni. Al Centro di Detenzione di Jeonju si acuisce il suo odio verso i ricchi e il suo desiderio di rivalsa verso la società e quando esce di prigione l’11 settembre del 2003 ha una missione in testa da compiere: una missione di morte. Si costruisce da solo l’arma con cui compierà la maggior parte dei suoi crimini: un martello pesante 4 kg . Per imparare a padroneggiare al meglio il suo “attrezzo di morte” fa pratica su alcuni cani randagi, ammazzandoli a martellate in testa. Il suo piano é di uccidere 100 persone ricche ossessionato che la ricchezza sia la causa del suo male Inizia massacrando un professore universitario di 72 anni e sua moglie di 68 Segue una scia criminale, fatta di furti e truffe, sfociata in brutali omicidi all’arma bianca e degenerata in seguito nella mutilazione dei cadaveri e nel cannibalismo: Yoo avrebbe infatti confessato di aver mangiato parti degli organi interni di alcune delle sue vittime al fine di “purificarsi”. E’ considerato uno dei più famosi e prolifici serial killer coreani: nel giro di pochi mesi, tra il settembre del 2003 e il luglio del 2004, uccise un numero ancora oggi imprecisato di persone (tra le 20 e le 40), molte delle quali giovani prostitute o benestanti anziani dei ceti elevati. Condannato a morte per i suoi crimini il 13 dicembre 2004, Yoo Young-Chul è ancora in carcere in attesa dell’esecuzione. Il suo avvocato non è ricorso all’appello perché il suo cliente desidera morire, ma questo suo desiderio ancora in attesa di essere accolto

Kella Tribi

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.