La Piazza di Caorso.

Written By: bruno - Apr• 28•13

Questa mattina ho visto la nuova piazza di Caorso,piazza cresciuta fra le polemiche,e,che ha sacrificato un monumento dei caduti,memoria della  prima guerra mondiale,se non ricordo male un obelisco.La piazza nuova sembrava un disegno da geometra,quadretto non riuscito di De Chirico,un riassunto plastificato di volumi e di piani,dove, molte palle allineate di bianco marmo si rincorrono in fila,fredde e rigorose, depositate uova di mosche e di pidocchi.L’ho guardata,stupito, da diversi punti,comminando e sostando,sorpreso dal suo color crema che la dominava annullandola come un fantasma,con enormi  bare di molti Gulliver morenti  a spina di pesce al posto delle panchine,arredi lugubri  , angoscianti e neri,neri, sul grigio panna di una Rocca di lego stuccato da un sordido belletto.Semplice gioco di castello infantile   da strapaese,illustrazione da uno sgualcito improvvisato  sussidiario su cui spiccavano enormi,spropositati vasi con degli alberelli che si facevano  minuscoli arbusti in quei vasoni,vasoni che ridicolizzavano  la Rocca,il Castello,la Piazza . Piazza che potrebbe realizzare sopratutto  un abile costruttore di pollai,in cui i galli non canterebbero piu’ e le galline morirebbero di dolore,o un ragazzo angosciato dall’acne potrebbe proiettare nel suo futuro.Scena perfetta per un delitto,scena da sporcare di rosso vivo  sangue con qualche filmone dell’orrore nel suo centro,sotto quei vasi ,vicino a quelle bare funeree,per rompere il silenzio  che vi regna,Piazza che rifiuta le figure,le voci o i bambini che si rincorrono e cadono senza un grido pur gridando forte.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.