La “gloria”.

Written By: bruno - Giu• 20•19

C’era,una volta,chi pisciava su Catullo e tutti ridevano,ora ci si divide fra Zeffirelli morto, e l’autore del commissario Montalbano moribondo,moribondo all’età giusta per essere moribondi.E c’è chi lancia strali e monocordi consensi a questo o a quello per distinguersi dal belare o gemere, anche se solo la storia,la storia e,il tempo dirà se ne è valsa la pena e per chi,di tante scornate passionali di partiti opposti.E’ tutto un fiorire di geni come fiori a primavera,geni,per lo schermo televisivo,geni per i giornalisti e i direttori dei telegiornali,geni per i quotidiani.Si trova un Leonardo da tutte le parti,Leonardo che,confessiamocelo è anche lui un po’ pompato(Vasari scrive di lui :uno che ha cominciato tutto e finito niente e che, per il grosso pubblico ,”il popolo” (sic), è solo un nome,nome,compreso (oggi si direbbe in dialogo),capito, quanto un taglio di Fontana o la merda in scatola di Manzoni ,per sempre accompagnato nel nulla universale come tutta la storia dell’uomo che rivive e vive nascendo , orgogliosamente ogni volta ignorante,ignorante fino alla morte che è poi l’unico suo modo per sopravvivere.Leonardo, pompato e reso antipatico nelle celebrazioni,antipatico per ignoranza o desiderio di vedere o estrinsecare strafare ostentare in notizie libresche qualità umane che non ci sono,non gli corrispondono e non devono e non possono passare (come l’ingegneria quell'”ingegneria” comune a molti nella sua epoca da lui pare addirittura copiata).Qualità dunque regolarmente fraintese (in tutte le epoche) ad uso e consumo proprio e del proprio tempo,reinterpretate,abbellite,mitizzate aggiornate .Bene, ogni stagione vuole e vede i suoi geni a suo modo ,ma anche i suoi Santi a modo suo,come i suoi mascalzoni sempre nello stesso modo e,spesso queste tre qualità,queste tre “qualità” si esprimono e appaiono sorprendentemente insorgono tutte assieme ,contemporaneamente,nell’avanguardia dei giorni e per i giorni futuri come belle che preparate, farcite addolcite confezionate, pronte ad apparirre nel mondo,pronte,per la gola , la gioia e ,il tormento di molti.Fino a ieri ,gioia e tormento della storia,nella storia e del tempo (fin quando vi fu tempo e storia), oggi,gioia e tormento di tutti i mezzi di comunicazione che, a priori, e per virtù propria decidono per conto loro e prima di ogni “storia” chi premiare sul campo o sulla tomba.E tormento,e come tormento,tormento senza gioia fu quello che fino ieri,dico ieri, vestiva e si è vestito a lutto per tre giorni,per tre lunghi lugubri piangenti giorni e interminabili notturne ore ,per la morte,per la perdita,l’ irreparabile luttuosa perdita di, Frizzi.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.