Kafa.

Written By: bruno - Lug• 31•18

Questa mania “contemporanea e manco dirlo d’avanguardia che, “mette e fa cose che lascia interdetti,anche perchè primitive come sono e si trovano lasciano non solo perplessi ma sconcertati,quasi sempre divertiti.C’è ,in un chiesa piacentina esposta,credo in largo Battisti una “pietra” ma più che pietra ,un sassone levigato del Trebbia,essendo chi l’ha portata originario di quei luoghi,tutto questo con il consenso della chiesa se non dell’università cattolica.Ebbene è stato esposto un sassone ,un grosso sasso una pietra ,del Trebbia naturalmente,che vorrebbe descrivere le parole di Cristo verso Simone figlio di Giona,detto Pietro.Gesù infatti aveva cambiato nome a Simone figlio di Giona,cosa che faceva spesso ,aveva cambiato nome a Simone ,chiamandolo Kafa che in aramaico è un termine maschile ,significa ciottolo (Petros) e su questa Roccia (Petra) edificherò la mia chiesa,non dice quindi pietra (sasso del Trebbia)ma roccia.Basterebbe a questo punto leggere delle antichità Giudaiche scritte da Giuseppe Flavio per capire come il termine roccia sia in voga sin dai tempi di Mosè fra gli ebrei . Ora qualcuno può spiegarmi come quel sasso ,posto in chiesa ,come quel sasso del Trebbia,rappresenti in qualche modo il fondatore della chiesa?Avendo detto a Simone Gesù : tu sei la roccia il ciottolo su cui fonderò la mia chiesa?so che ai preti non bisogna mai parlare delle loro cose,ma non dovrebbero farle dire e insegnare (sic) nemmeno a chi mette un sasso al posto di Simone detto Kafa (ciottolo-roccia),che così su quel sasso di Trebbia torniamo ad Erasmo da Rotterdam con il suo famoso:elogio alla follia ,allorché criticava certi cristiani che alle parole :”prendete la spada-“questi impugnarono la spada , strumento di guerra mettendosi a massacrare mezzo mondo,quando invece si intendeva semplicemente la spada ,la spada,ma quella della Fede.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.