Improvvisi.

Written By: bruno - Mag• 21•20

Improvvisi lampi, netti, e sapori e foglie mosse al vento, sento vivi in me e risuonano da mondi lontani, e voci sottili si assiepano nella mente, sotto un cielo ricamato di uccelli e foglie vive. Mi parlate nei sassi che incontro, caldi di sole, negli urli dei cani dispersi in un’aria vociante di vento che innalza. E vi vedo negli antichi giorni, e siete avvolti nell’azzurro della mente nel sole e nel mare e mi dite ecco ,questo è il testimone, siamo qui celati in tutte le cose, torneremo diversi e sempre noi stessi.

Francesca Pierucci.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.