Il mago di Oz.

Written By: bruno - Feb• 24•14

Chi l’avrebbe detto?Bastava un tipo giovane,giovane come un vecchio dirigente della  UPIM,per far marciare l’Italia,almeno cosi’ dicono,sorridono,tutti questi nuovi ministri e ministre,tutti,Napolitano compreso,sorridono ,con i loro vestitini accesi,il pancione di vita vissuta in casa,in casa, con un compagno,un marito.Sono donne e uomini di tutti i giorni,salvo Alfano,uomini e donne che abitano nei condomini,nelle villette di campagna,donne e uomini con figli e un cane.Sorridono tutti,tutti, attorno al loro giovane direttore UPIM vecchio stampo,direttore efficiente,scattante, senza ombra di indecisioni.Eppure, quel Renzi,ricordate il mago di Oz?Ricordate Dorothy ed il suo cagnolino Toto’?Ricordate Zeke,Hikory e Hunk?I tre contadini?Zeke,mentre da’ da mangiare ai maiali riprovera la ragazzina di avere paglia al posto del cervello?Bella storia,dove i coraggiosi sono fifoni e ricordate quando Dorothy cade dentro il pocile?Non è forse l’Italia?Lo so,penserete che sono esagerato,penserete che sono il solito pessimista sfascia governi,una specie di Bartali del piccolo inutile commento,il Bartali del tutto sbagliato,tutto da rifare.Eppure il professore Meraviglia mi ricorda tanto,ma proprio tanto Napolitano,Napolitano,nel castello che spaventa la gente con un megafono e appare piu’ grande di quello che è,piu’ saggio di quello che è ,piu’ straordinario di quello che crede di essere.Invece è solo il professor Meraviglia,mago di Oz, con la strega dell’est e la fata dell’ovest.Favola mitologica dei  tempi nostri, la Merkel non porta piu’ abiti da valkiria,ma, tuttavia , qualcuno, ha condannato a morte il povero Toto’,cagnetto di Dorothy.Dove sia il porcile oggi,dove il finto coraggio,dove, e chi sia il mago ed il cagnetto Toto’ condannato a morte, sta a voi interpretare,divertitevi.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.