Firenze di lontano.

Written By: bruno - Dic• 02•19

Pulsate, stelle disseminate sull’erba di questi colli, di diversa vita straripanti ruscelli, portate le mille storie parlanti della galassia viva di case adorna. Di mille corse di giovani danzanti, di vecchi accoccolati come infiniti gatti sopra i tetti, e camini, volti al cielo come turbini di nebbia. Di volti fuggenti l’attimo, di figure che inondano le vie come acqua che lesta si dilegua. Pulsate di germinata vita, a me invisibile, pulsate.

Francesca Pierucci.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.