De Magistris.

Written By: bruno - Set• 19•19

Ieri sulla quattro è apparso il sindaco di Napoli De Magistris,oggi fra l’altro è il giorno di San Gennaro,quando improvvisamente hanno allargato l’immagine dell’ex magistrato sul suo tavolo coperta da una congerie di piccoli oggetti, immagini ,cose esposte per celebrare o ricordare qualche cosa di cui non ho afferrato il senso.Ebbene sul quel tavolo, scrivania ingombra davanti all’immagine composta e ieratica dell’ex giudice,ex giudice,oggi sindaco imperturbabile e poco napoletano,vi era una una copertina con il Che e un infinità di altre piccole cose che mi son parsi tanti cornetti contro il malocchio,di quelli rossi,di un rosso squillante simil corallo.De Magistris,dichiarando la sua indipendenza sempre in modo composto quasi ingessato,quasi una divinità che sovrastasse la sua ingombra scrivania,quasi busto di uomo fatto statua fra i suoi ex voto apostrofando coloro che chiudono i porti dichiarò,papale papale che lui,lui sindaco di Napoli ,lui De Magistris ex magistrato da sempre indipendente aveva premiato nel corso di una cerimonia ,nel pomeriggio,aveva premiato,in barba a tutte le indipendenze Carola Rakete,si Carola,quella Carola tedesca che aveva sfondato un porto italiano in barba a tutti i regolamenti,in barba a tutti i divieti ,aveva scaricato la sua ciurma di disperati,l’aveva scaricata, come una che avesse un impellente bisogno e non si trattasse di uomini di donne e bambini trattandoli d’urgenza come un qualsiasi bisogno corporale,e gli avesse scaricati proprio in italia,l’Italia, quasi fosse l’unico posto accessibile,l’unico posto sicuro per queste cose in tutto mediterraneo per chi avesse di queste urgenze.Dimenticando così,dimenticandosi così di uomini e donne e bambini.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.