Cercando Dio.

Written By: bruno - Set• 23•17

In una città che ora è inutile citare ,c’è una chiesa davanti alla sede della Banca d’Italia che si può citare,la Banca d’Italia,vera cattedrale per ogni italiano e proprio li c’è questa parrocchia antica o chiesa ,dove si celebra la Messa (libera una volta all’anno anche agli animali) dove,in una domenica qualunque,di questa città qualunque durante la predica domenicale due ragazzini ,bambini o fanciulli “disturbavano” imperterriti stando a quel che si dice,disturbavano la predica per cui un volenteroso cristiano ha invitato ad allontanarsi i disturbatori facendo uscire l’intera famiglia dalla casa di Dio .La madre, ha scritto al giornale locale la sua indignazione per essere stata “sbattuta” fuori durante la Messa nella casa di Dio o di D-o come scrive chi teme di pronunciarne anche solo il nome.In questa città ,che è inutile specificare si è scatenato un vero putiferio,un pozzo di San Patrizio per il locale giornale che ha dedicato,inzuppando pagine intere di lettere scritte chi pro chi contro la famiglia o il prete .Occorre dire subito che il prete ha chiesto scusa e tutto è finito in rappacificazione,almeno sembra.Non compro il giornale,lo leggo prendendo il caffè,e , una di queste mattine entrando al bar ho visto una signora intenta sull’ultima pagina del giornale,l’ultima quella delle lettere, per cui sorseggiando il caffè ho pensato che prima o poi,la signora avrebbe mollato l’osso.Ho continuato lentamente a sorseggiare e atteso ,atteso,sbirciando la signora e il giornale,la signora invece su quell’ultima pagina fece un gesto brusco come per abbandonare il quotidiano per cui mi sentii finalmente in dovere di chiedere se mi fosse consentito per il suo alzarsi leggere:”un momento rispose la signora ,sto leggendo della chiesa davanti alla Banca dItalia,chiesa dove vado spesso”,al che soggiunsi:”ah,quella dove hanno sbattuto fuori la famiglia?”Si proprio quella ma quella, quella signora è un oca.Mi son dovuto sorbire un altro caffè in un altro bar,in quel bar non son riuscito leggere né ho mai letto una lettera di quella signora all’ultima pagina del giornale.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.