Carro allegorico.

Written By: bruno - Giu• 25•17

Nella vita del Puntormo scritta dal vasari narra che, nel giorno di carnovale furono fatti diversi carri,carri che definirei magnifici dove in uno:”Nel mezzo del carro surgeva una gran palla in forma d’apamondo ,sopra la quale stava prostrato bocconi un uomo come morto,armato d’arme tutte rugginose ,il quale avendo le schiene aperte e fesse,della fessura usciva un fanciulletto nudo e dorato,il quale rappresentava l’età dell’oro resurgente e la fine di quella del ferro,della quale egli usciva e rinasceva per la creazione di quel Pontefice (Giovanni dè Medici,Leone Decimo)”.E appena dopo aggiunge:”Non tacerò che il putto dorato,il quale era ragazzo d’un fornaio,per lo disagio che patì per guadagnare dieci scudi,poco appresso si morì.”

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.