Beatles & Bach.

Written By: bruno - Nov• 26•15

1750,quando morì,Johann Sebastian Bach lasciò in eredita’ 1.159 talleri,5 clavicembali,tre viole,2 violoncelli ,1 viola da gamba,1 liuto,1 spinetta,52 libri sacri,il figlio Philipp lo chiamava il vecchio archivio Bach,dove vennero ritrovati assieme ad altri manoscritti anche gli spartiti di:Concerts avec plusieurs instruments, (eseguiti solo nel 1850),che poi Philipp Spitta , nel 1879 diede il titolo di :Concerti brandeburghesi,capolavoro assoluto nell’assoluto capolavoro, non solo dell’arte musicale di Bach.Nel 1894 (Bach,dopo la sua morte fu completamente dimenticato , scoperto molto più tardi e rivalutato, per cui la Germania dovrebbe fare un monumento agli ebrei , dall’ebreo Mendelssohn) ,nel 1894 come dicevamo, la chiesa dove era sepolto venne abbattuta, ma fu facile ritrovare la sua sepoltura perché lo si sapeva chiuso in una cassa di quercia.La bara riesumata, conteneva lo scheletro di un uomo anziano (sic),65 anni,alto 166,8 centimetri,di corporatura robusta,ora nella chiesa di San Tommaso di Lipsia.Perché tutta questa tiritera?Bach non lasciò nessuno degno erede del suo Genio,se non i figli ,ma basta ascoltarli per capire la differenza ,meno che mai i Beatles ,come qualcuno, in questo imbecille secolo sostiene.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.