Banca di Piacenza:presentazione del dipinto di Ignazio Stern

Written By: bruno - Gen• 28•12

Santa Maria di campagna è stata la bella chiesa che ha ospitato una manifestazione della Banca di Piacenza, la presentazione dell’Annunciazione di Ignazio Stern,l’opera è stata illustrata dal Professor Arisi,come sempre con dovizia di particolari,dipingendo tutto quel periodo con una chiarezza che è una peculiarita’ del professore.Il piccolo dipinto si mostrava molto piu’ intenso e bello del grande che si trova nella chiesa affrescata dal Pordenone.Marco Ruggeri ha eseguito all’organo brani che hanno mostrato una cattiva trascrizione verdiana per organo,ed una spezzettata e tronfia composizione di Padre Davide da Bergamo(speriamo sia stato un ottimo religioso), con un titolo congeniale ed infelice come; le “sanguinose giornate di Marzo”(tema impegnativo che, anche ad un gran compositore avrebbe fatto tremare i polsi),gran scampannelio,periodare senza ponti o monchi modi modulatori,momenti che desideravano descrivere ma per troppo desiderio descrittivo davano invece prova di poco sentimento,riuscendo nel gran sfavillio ad estraniarsi dal soggetto,uscendo di fatto dall’assunto si facevano concettuali, davano prova di una tecnica puerile, fine a se’ stessa,arida e di poco mestiere “sanguinolento”,che è poi quello che accade alla musica d’oggi,musica senza cuore,senza intelligenza, estranea all’orecchio e all’uomo,fine a sè stessa,spraffatta anche dalle canzonette,che sono poi la colonna sonora del contemporaneo.Tutto cio’ dimostra che diversi secoli, lontani fra loro praticano un contiunum infertile.Occorre tuttavia lodare Marco Ruggeri che con grande bravura ci ha fatto ascoltare delle curiosita’.Una nota a parte merita il grande organo Serassi,meravigliosa,magica,imponente macchina strumentale,capace di esprimere nel particolare e nel sontuoso vertici assoluti.Bella quindi l’iniziativa della Banca di Piacenza,era presente il suo Presidente,l’avvocato Sforza Fogliani,che con amore sa cogliere, nella cultura, originali argomenti e temi importanti per la nostra citta’.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.