A mia figlia.

Written By: bruno - Ott• 08•19

Ti auguro di non esser mai bersaglio di crudo disamore, di non dover mai mendicare un occhio su di te, come fiore brama la pioggia del mattino Ti auguro che nessuno sfregi la tua anima con meccanismo implacabile di pesante aratro, e mieta i fiori di maggio del tuo cuore con il suo vertiginoso vuoto, che calpesta il fuoco sacro dell’amore. Ti auguro di mantenere il sorriso di bambina, quando le tue gote indifese e tonde sorridevano come il pianeta Azzurro agli astronauti.

Francesca Pierucci.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.