Giovanni Raineri.

Written By: bruno - Ott• 28•16

“Ogni ricostruzione porta con sé alcuni rischi:quello di sprechi quello di ritardi,quello della corruzione”.Ed un progetto lo aveva attuato Giovanni Raineri un centinaio d’anni fa istituendo consorzi che riunivano i privati che avevano subiti danni per gestire direttamente i fondi con l’obbiettivo di “togliere al più presto le popolazioni che vivevano nelle baracche,superando l’intermediario politico che si opponeva (manco a dirlo) al progetto.Raineri dice in sostanza ( il 29 aprile del 1920 ) di sottrarre ai politici l’affare ricostruzione e di affidarlo ai danneggiati stessi che:grazie al Genio civile a cui era demandato di valutare i danni e i singoli progetti per cui,in questi calamitosi tempi di lutti e terremoti,tempi di vittime e di senza casa, la riproposta suggerita da Corrado Sforza Fogliani sul Foglio di venerdì 28 ottobre, non solo ci sembra azzeccata e giusta ma,purtroppo inascoltata, quando fu invece semplicemente osteggiata dai politici del 1920.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.