Al mio mattino

Written By: bruno - Mar• 22•20

Vuoti suonano i passi là, vicino al mare, e soffici le foglie mi fanno morbido l’incedere verso il nulla che pavento. O verso i tramonti di rosa bagnata che inondarono i miei occhi alla ricerca di un mistero svelato, quello che unisce corpi e anime per affondare nel nulla che li attende. Un torvo buio ove tutto è perduto, anche le stelle, nulla pulsa, tutto è rotolato come palle di sterpi in campagna sotto il vento furibondo. Furibondo il tempo ci cancella, le nostre lievi speranze e i respiri con cui venimmo al mondo. Furibondo il sole secca l’aria a dire del tempo andato sotto le due lance. La pietà è nel canto nuovo degli uccelli, sonori come il mare nell’ora della sera. E il tramonto di miele rosa ancora bacia i miei tormenti per farne nuovi fiori al mio mattino.

Francesca Pierucci



You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.